Task force per una mattinata di controlli. Mangialardi, 'Senigallia città sicura'

24/06/2011 -

Task force di tutte le forze dell'ordine per un blitz a 360 gradi sulla spiaggia di velluto. Venerdì mattina, con un vasto dispiegamento di uomini e mezzi disposto dal questore Renzo De Felice, Senigallia è stata passata al setaccio da Polizia, Carabinieri, Guardia Costiera, Guardia di Finanza e Polizia Municipale.



Obiettivo, quello di intensificare i controlli anche in risposta all'escalation di furti avvenuta negli ultimi giorni. Un'iniziativa che per il sindaco Maurizio Mangialardi conferma la volontà di mantenere Senigallia “città sicura”.

“L'esigenza di intensificare i controlli, anche a seguito degli ultimi episodi, è stato da noi sollevata e siamo soddisfatti della risposta delle forze dell'ordine -commenta il primo cittadino- la nostra è una città sicura e vigilata e il rafforzamento dei controlli garantisce la sicurezza e l'ordine pubblico. Si tratta di un'azione coordinata all'interno della quale il Comune continuerà a fare la propria parte attraverso il contributo prezioso della Polizia Municipale”. Posti di blocco sono stati disposti durante lungo tutte le principali arterie cittadine, lungo la statale, sul lungomare, e lungo le direttrici nord-sud della città. Controlli che hanno visto l'impiego anche di unità cinofile e della squadra nautica della Polizia.

“I primi risultati tangibili del maxi controllo di stamattina (ieri ndr) è stato il sequestro di numerosa merce di griffe contraffatte -ha spiegato il dirigente del Commissariato di Polizia Antonio Massara, in sostituzione del commissario Roberto Palcani- ma è stato utile per l'identificazione e il controllo di numerose persone e mezzi. L'intensificazione dei controlli, come voluta dal questore, proseguirà anche nei prossimi giorni”. Durante i controlli di ieri mattina sono state identificate 51 persone, controllati 16 veicoli e soprattutto eseguiti cinque sequestri di materiale venduto abusivamente per un totale di 831 capi di abbigliamento, 43 giocattoli, 401 articoli di pelletteria, 2000 pezzi di bigiotteria e 95 occhiali da sole.

Le forze dell'ordine hanno passato al setaccio anche le principali aree di sosta del centro cittadino e dei centri commerciali e il lungomare dove si concentrano, in questo periodo, i venditori ambulanti abusivi. In particolare sono stati denunciati due extracomunitari per ricettazione e vendita di materiale contraffatto e altri due stranieri clandestini sono stati accompagnati in Questura per le pratiche di espulsione. In totale sono stati sequestrati 95 paia di occhiali da sole, 15 borse, 34 marsupi, 6 cinture, 11 calzature da uomo, e 87 orologi tutti di noti marchi contraffatti.








Questo è un articolo pubblicato il 24-06-2011 alle 23:30 sul giornale del 25 giugno 2011 - 4726 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mw6


Io in questi giorni leggo di una miriade di furti in appartamenti ed esercizi commerciali.


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

In materia di "sicurezza" mi sembra di poter affermare che queste iniziative non vanno oltre la semplice facciata. Se sono veri gli articoli della stampa locale a cosa servono queste ammucchiate di appartenenti alle forze del'ordine? Esclusivamente a contrastare i venditori abusivi, dai quali peraltro non si ricaverà nemmeno un centesimo perchè tanto non hanno nulla da perdere. Non sarebbe meglio impiegare tutto quel personale ogni giorno, magar a turno, per presidiare il territorio e contestualmente potenziare l'attività investigativa, magari allargandola anche ai comuni dell'entroterra, vero ventre molle del nostro territorio, in quanto manca qualsiasi controllo?

Cinte, borse, occhiali... ma sul serio, sindaco Mangialardi, pensi che sia questo il problema di chi rischia sempre più frequentemente di trovarsi in casa i ladri e deve confidare in cani di sessanta chili pronti a sbranare gli intrusi per avere la speranza di cavarsela?

E' la periferia che va presidiata, come giustamente rileva Ulisse. E se sempre ringrazio carabinieri e polizia che accorrono veloci, quando chiamati, non mi pare ci sia qualcosa per cui ringraziare i Comune!

Dunque, Maurizio, smettila di farti bello, dicendo che Senigallia è una città sicura. Se no ti cresce il naso...