Imesa: il bilancio 2010 chiude con quasi 6 milioni di utile reinvestiti in azienda

01/07/2011 -

Imesa spa, società del Gruppo Schiavoni che opera dal 1972 nel campo delle costruzioni Elettromeccaniche, ha chiuso il bilancio 2010 con un valore della produzione operativa pari a 30,1 milioni di euro, con una crescita del 28%, mentre si attesta a 5,9 milioni di euro l’utile netto. “Risorse che saranno impiegate in azienda - commenta Giampiero Schiavoni, presidente di Imesa – per renderla ulteriormente competitiva con investimenti in ricerca, formazione e miglioramento della produzione.



E’ un grande risultato che esprime ancora una volta la nostra capacità di produrre reddito. Numeri resi possibili grazie all’incremento dell’acquisizione di commesse all’estero ‘main contractor’, alla formazione e alla preparazione del personale in ambito marketing, commerciale, finanziario; agli investimenti per l’ottimizzazione dell’organizzazione produttiva e del sistema gestionale. Inoltre, all’estero, è sensibilmente aumentata la fornitura di stazioni elettriche in container e l’attività di service sulle navi che conferma la nostra efficienza e la capacità di interventi qualificati, oltreché immediati. Da sottolineare, infine, l’acquisizione di una commessa importante per Terna, in consorzio con altre società del settore, per un importo complessivo di circa 75 milioni di euro”.

Un capitolo a parte merita il fotovoltaico, dove Imesa si è distinta costruendo impianti chiavi in mano, fornendo quadri di media tensione di tipo secondario e partecipando alla costituzione di “Marche energia srl”, società che si occupa della progettazione e installazione di impianti di energia solare chiavi in mano, con una quota del 75%. “Abbiamo inoltre progettato, costruito e collaudato - conclude Schiavoni - un impianto di proprietà per vendere energia all’Enel, usufruendo dei contributi Gse del 2°conto energia”.

Imesa spa, basata a Jesi (An), con sedi a Roma, Milano e Dubai, è tra i leader europei nella produzione di quadri elettrici di media e bassa tensione, sezionatori isolati in sf6 per la media tensione da interno e da esterno, sistemi di supervisione e controllo e impianti elettrici chiavi in mano. Conta 250 dipendenti e vanta collaborazioni con importanti aziende italiane ed estere come: Enel, Saipem, Terna, Snam Progetti, Technimont, Converteam, Fincantieri, Eni, Enipower, Ansaldo S.I., Technip Italy e Lukoil.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-07-2011 alle 22:51 sul giornale del 02 luglio 2011 - 4592 letture

In questo articolo si parla di economia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mQP