Arresto di Prota e Ubertini: la lotta alla guida in stato d'ebrezza non si ferma

Colonnello Liviano Marino 1' di lettura 08/07/2011 -

Uno dei due carabineri arrestati giovedì sera, Massimo Prota, è molto noto a Senigallia per il grande numero di contravvenzioni e di patenti sequestrate, soprattutto il venerdì ed il sabato sera. "Non si dissuade dalla guida in stato d'ebrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti con il terrore" ha detto il Colonnello dei Carabinieri Liviano Marino.



Ora su molti dei verbali in questione sorgono forti dubbi per i metodi non ortodossi usati, ed i Carabinieri stanno indagando. Ma questa non può essere una scusa per salire al volante della propria auto se si è bevuto. "Ci sono 400 pattuglie nelle Marche e 100 nella sola provincia di Ancona che controllano le strade ogni giorno ed ogni notte" ricorda il Colonnello Marino.

"Bisogna tener presente che una multa in stato d'ebrezza viene elevata prima di tutto per tutelare la salute di chi guida e degli altri utenti della strada. - continua Marino - I Carabinieri non cercano di spaventare nessuno".






Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2011 alle 19:57 sul giornale del 09 luglio 2011 - 13873 letture

In questo articolo si parla di cronaca, michele pinto, guida in stato d'ebrezza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/m9U





logoEV