Grande successo per il concerto “Mediterraneo” con la partecipazione dei Nomadi

I Nomadi a Jesi 08/07/2011 -

Una piazza della Repubblica generosa, gremita all’inverosimile, ha accolto ieri sera l’annuale appuntamento con il concerto finale della Scuola Musicale ‘G.B.Pergolesi’, evento dedicato quest’anno a “Mediterraneo” e alle canzoni italiane che hanno fatto sognare generazioni di ieri e di oggi.



Ospiti prestigiosi, Beppe Carletti e Sergio Reggioli dei Nomadi. Sul palco, oltre un centinaio di giovani allievi della Scuola Pergolesi che si sono esibiti nel ricco e sempre affascinante repertorio dei Nomadi, da “Mediterraneo” che ha dato il titolo alla serata, fino al più moderno successo firmato dalla storica band per la voce di Irene Fornaciari “Il mondo piange”, portato sul palco di Sanremo 2010.

Tante sonorità che hanno fatto rivivere la storia dei Nomadi, dagli anni Sessanta ad oggi, una lunga storia in cui la formazione ha subito cambiamenti, si è evoluta con nuovi elementi che entravano a farne parte e altri che purtroppo, venivano a mancare. Come Augusto Daolio e Dante Pergreffi, indimenticati compagni di viaggio ricordati con commozione da Beppe Carletti nell’omaggio accorato “Canzone per un’amica”. E se sui grandi successi “Dio è morto” e “Io Vagabondo” tutta la piazza, trasversalmente ricca di giovanissimi e più adulti, si è stretta in un unico accorato canto per accompagnare i due ospiti, lo stesso Sergio Reggioli ha incitato il pubblico presente a sostenere gli allievi. “Non è facile provare da qui, dal palco e mettersi in gioco esibendosi davanti a tanta gente”, ha detto sottolineando il coraggio dei ragazzi della Pergolesi. Poi Carletti ha spiegato il loro nuovo progetto musicale, “Nomadi-Cuorevivo”. “Il cuore è il nostro motore – ha detto - alimenta il nostro corpo e la nostra mente. E' la nostra vita, perché è con il cuore che agiamo.

"Cuore vivo" è il nostro nuovo album pubblicato da indipendenti, che ripercorre un decennio di repertorio (1967-1977), attraverso otto brani e propone due inediti (2011)”. Il filo conduttore che lega la storia dei Nomadi al loro presente è la voglia di comunicare attraverso un linguaggio diretto, di cuore, ed è in questo modo che i messaggi proposti risultano sempre attuali, i significati non si snaturano, i volti sì, ma la coerenza è forte, inossidabile, perché i Nomadi sono il pubblico, quello al quale "Cuore vivo" è dedicato. Il concerto ‘Mediterraneo’, realizzato dalla Scuola Pergolesi con il patrocinio del Comune di Jesi e della Provincia di Ancona, nell’ambito del cartellone di ‘JesiEstate 2011’ ha visto anche la partecipazione dell’Oikos, presente con uno stand in cui venivano venduti i biglietti della lotteria benefica.

Info e iscrizioni: Scuola Musicale ‘G.B.Pergolesi’ Jesi, tel.0731-205856; www.scuolapergolesi.it








Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2011 alle 13:55 sul giornale del 09 luglio 2011 - 905 letture

In questo articolo si parla di musica, jesi, Scuola Musicale G.B. Pergolesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/m7b