Autotrasportatori hacker truffano 50mila euro all’azienda per cui lavoravano

Tenente Eleonora Spadati 17/07/2011 -

Sono stati scoperti solo dopo esser stati licenziati per altri motivi, B.D., classe 1979 e C.M. classe 1977, entrambi di Latina, denunciati a piede libero per frode informatica, truffa ed appropriazione indebita.



Le indagini, condotte dai Carabinieri della Stazione di Santa Maria, sono partite dalla denuncia-querela inoltrata dal legale rappresentante di una nota Azienda casearia della Vallesina, che segnalava l’ammanco di denaro dai conti della società verificatosi fra gennaio 2010 e febbraio 2011.

I due presunti colpevoli con più azioni criminose e approfittando dell’ incarico di autotrasportatori per l’azienda, in occasione dei frequenti viaggi in tutta Italia avevano messo in piedi una vera e propria società che di volta in volta faceva mancare alcuni prodotti dai mezzi che utilizzavano e dallo stabilimento che poi rimettevano privatamente sul mercato, dove ignari acquirenti si rifornivano. Ma i due a volte riscuotevano anche direttamente i soldi destinati all’azienda di cui erano riusciti a forzare i sistemi informatici per falsificare i dati e le informazioni inseriti nel database, impedendo che gli ammanchi fossero scoperti prima.








Questo è un articolo pubblicato il 17-07-2011 alle 12:28 sul giornale del 18 luglio 2011 - 1037 letture

In questo articolo si parla di carabinieri, santa maria nuova, eleonora spadati, Doriana Matallari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/nr8