<| /yobee 2>

Pasquini e Valenti: nessuna tutela ad impegno e carriera degli studenti!

Giulia Pasquini e Michele Valenti 4' di lettura 21/07/2011 -

I risultati dell'esame di maturità, deludenti, di due classi del Liceo Medi non sono in linea con i risultati ottenuti negli anni dagli studenti. E' il liceo che non ha fornito una preparazione adeguata o l'esame che non ha reso giustizia alla preparazione degli studenti? Ecco la protesta di Giulia Pasquini e Michele Valenti.



Non possiamo tacere quando la scuola, silente, rimane a guardare che ai propri alunni siano resi vani lo studio, l’impegno ed i risultati di cinque anni di scuola. Ciò è quanto accaduto a noi “maturi” della classe V BT ed ai nostri compagni della V AT del Liceo Scientifico Enrico Medi di Senigallia.

Finché è il voto finale a ripagare il lavoro di cinque anni di scuola non possiamo tacere, soprattutto quando completamente stravolta è stata la valutazione della carriera scolastica dei candidati, negativamente sorprendenti gli esiti delle prove scritte e di discutibile coerenza la valutazione delle prove orali!

Perché si possa meglio comprendere quanto si afferma, vogliamo che siano conosciute e raffrontate alcune delle valutazioni di ammissione agli esami, i crediti maturati negli anni e le votazioni finali espresse dalla commissione.

Scritti

Orale

Finale

Crediti

Media

28

22

68

18

7,3

30

24

76

22

8,1

24

19

60

17

6,6

25

21

60

14

6,6

30

20

67

17

7,3

19

27

60

14

6,3

31

24

80

25

8,5

19

25

60

16

6,3

41

34

100

25

8,9

28

19

60

13

6,5

27

21

66

18

7,1

22

25

60

13

6,8

25

22

61

14

6,5

41

27

93

25

9,0

25

21

65

19

7,6

39

30

94

25

8,8

22

21

60

17

7,0

23

23

60

14

6,5

26

19

60

15

6,8

36

28

89

25

8,4

38

26

89

25

9,2


Delle brevi considerazioni numeriche
Su 38 esaminati: 6 sono stati gli ammessi con 25 crediti ma solamente 1 all’altezza di poter prendere 100! Nessuno ha raggiunto la lode! 22 sono rimasti sotto il 70 (9 hanno preso 60!), quando 25 sono stati coloro che nel triennio hanno maturato da 17 a 25 crediti, mantenendo perciò almeno una media discreta.

Non troviamo logiche giustificazioni se non quella secondo cui l’ideologia della meritocrazia, cara alla Gelmini, abbia prodotto uno sciocco meccanismo di rivalità tra Istituti, dove a farne le spese sono stati, ingiustamente, gli studenti.

Dove è finita la legalità, quella lecita giustizia che ci è stata insegnata sui banchi di scuola e che certamente non deve rimanere sola teoria?

Non possiamo tacere, perché così ci avete insegnato.
Voi Professori, che siete stati giudicati incapaci di valutare, potete tacere? E lei Sig. Preside di fronte al tentativo di voler discreditare le qualità dei suoi insegnanti e della sua scuola può tacere?

No, non possiamo rimanere in silenzio, se non altro per quel sentimento di leale giustizia e rispetto umano che abbiamo nel cuore e per dire a voi insegnanti-educatori che, seminando “zizzania” negli animi dei giovani, non si costruisce certo una società migliore!


da Giulia Pasquini e Michele Valenti
ex alunni della V BT Liceo Medi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-07-2011 alle 07:50 sul giornale del 22 luglio 2011 - 6346 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, liceo medi, Giulia Pasquini, Michele Valenti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/nBA





logoEV