Movimento democratico per la difesa del commercio: gli insediamenti commerciali sono già definiti

Remo Uncini 24/07/2011 -

Non andiamo dietro ai sogni. La realtà è che l’accordo con la Sadam prescinde dagli investimenti commerciali che faranno la provincia e la regione. I negozi di Jesi espongono un manifestino a lutto, per rimarcare il pericolo commerciale che dovranno affrontare.



Hanno paura che la città si impoverisca ancora di più. Fare il centro commerciale a Jesi con l’assicurazione che non si farà quello di Camerata Picena e quello di Montemarciano è scommettere su chi ha già fatto scelte definitive: quella commerciale rispetto a quella industriale. La vera battaglia dei partiti che si richiamano alla difesa dell’occupazione è quella di determinare l’amministrazione a deliberare una scelta che attraverso un piano industriale dell’azienda credibile nel tempo determini l’occupazione. Fuori da questa logica non si media sugli insediamenti commerciali. Essi sono già definiti. L’unica speranza dei commercianti è quella che l’amministrazione comunale con i sindacati ritornino al tavolo delle trattative per determinare una volontà industriale che non può venir meno quando il territorio ha già pagato un prezzo di occupazione nei confronti di una azienda che non riesce a determinare piani industriali, impoverendo il territorio.



da Remo Uncini
Movimento democratico per la difesa del commercio




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-07-2011 alle 12:39 sul giornale del 25 luglio 2011 - 713 letture

In questo articolo si parla di attualità, Remo Uncini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/nH9