I Sindaci della Zona Territoriale 5 chiedono un incontro e garanzie per il rispetto degli impegni

ospedale 17/09/2011 -

Pur nel pieno rispetto delle competenze istituzionali della Regione, si prende atto con rammarico del metodo utilizzato dalla Regione Marche nell’individuare la sede dell’Area Vasta (DGR 1197 del 05.09.2011), senza un’adeguata concertazione con gli Enti Locali, come già richiesto dai Sindaci dei Comuni di Jesi e Senigallia, dai Consiglieri Regionali, dai Parlamentari.



Considerato che più volte la Regione ha riconosciuto l’interessante lavoro svolto nel nostro territorio in una prospettiva di piena integrazione dei servizi sanitari e sociali e considerato che l’interdipendenza tra gli Enti Locali è ancora più importante rispetto alla situazione drammatica che il Paese sta vivendo a causa della situazione economica e finanziaria con una manovra del Governo centrale che rischia di azzerare i servizi sin qui erogati.

Si esprime preoccupazione in riferimento agli impegni già assunti dalla Regione Marche rispetto alla Sanità per i servizi territoriali.

In particolare per la nostra zona, si chiede la conferma degli impegni assunti dalla Regione rispetto alla tempistica e alle risorse delle seguenti priorità indicate nella Delibera del Comitato dei Sindaci n. 10 del 23.02.2011:
• Completamento del nuovo Ospedale “Carlo Urbani” (... implementazione del modello organizzativo e organizzazione dei servizi socio sanitari territoriali con una adeguato livello di integrazione e di efficienza per rispondere ai bisogni di salute e di assistenza delle persone);
• Progetto utilizzo del vecchio Murri (Casa della Salute, spazi destinati alla formazione permanente, uffici amministrativi per la Zona Sanitaria);
• Realizzazione di n. 40+20 pl RSA da allocare provvisoriamente presso la Casa di Riposo di Jesi;
• Realizzazione Casa della Salute a Jesi, a Moie di Maiolati Spontini e a Cingoli;
• Mantenimento e rafforzamento dei servizi territoriali (area consultoriale (minori e famiglia) , area disabilità , area anziani, area dipendenze e area prevenzione, area salute mentale);
• Sperimentazione di una più efficace integrazione socio sanitaria.

Si chiede, inoltre, un incontro istituzionale per:
• capire le ricadute della scelta fatta rispetto all’efficienza, l’efficacia e la relativa ottimizzazione della spesa per i servizi sanitari;
• avere conferma dei tempi e delle risorse circa gli impegni già assunti dalla Regione Marche rispetto ai servizi sanitari territoriali i quali dovranno essere indicati fra le priorità assegnate al nuovo Direttore di Area Vasta;
• riaffermare il ruolo e la funzione della Conferenza Regionale permanente Socio Sanitaria e del Consiglio Autonomie Locali (CAL) anche come luoghi di verifica, controllo, monitoraggio dell’andamento e della funzionalità dell’Area Vasta.



da Conferenza dei Sindaci
della Zona Territoriale 5




Questo è un articolo pubblicato il 17-09-2011 alle 16:35 sul giornale del 19 settembre 2011 - 627 letture

In questo articolo si parla di Zona Territoriale n. 5

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/prQ





logoEV