Filottrano: finalmente sono finite le vacanze forzate del consiglio comunale

Saverio Borgognoni 2' di lettura 29/09/2011 -

Il 28 ottobre si rifà vivo,dopo tre mesi e mezzo di assenza,cioè dal 14 giugno, il consiglio comunale di Filottrano. Un periodo di assenza veramente degno di essere citato dal “guinnes dei primati”! Quali i motivi di questo singolare primato?



Forse un drastico taglio sulle spese; si sa che la democrazia ha un costo, ma a quanto pare la costituzione dice che l’Italia è una repubblica democratica e se si decide di risparmiare sui 16 euro lordi che un consigliere percepisce ad ogni seduta vuol proprio dire che siamo con le pezze al sedere!

Forse per mancanza di argomenti; ma sembra che i cassetti dell’amministrazione siano colmi di mozioni ed interpellanze depositate dalle minoranze.

Forse causa ferie; eppure in questi tre mesi e mezzo la giunta di maggioranza,a pieno organico, ha approvato nel chiuso delle sue stanze numerose misure importanti che interessano la collettività. Qualche esempio ? E’ stata prorogata la gestione dei parcheggi a pagamento, stabilite nuove tariffe servizi cimiteriali (tra le più care in assoluto), revisione della dotazione organica (il personale) del comune, rinuncia dell’acquisizione di parte dell’ex mercato (tutto secondo copione), approvazione dell’appalto per il parcheggio multipiano interrato (osteggiato dai cittadini), integrazione per la realizzazione della variante, modifica di un punto del regolamento comunale dovuta al fatto che un cittadino ha presentato ricorso al TAR per l’annullamento di un bando di concorso comunale (ed ha vinto).

Analizzando oggettivamente i fatti, provo io ad azzardare il motivo di questa lunga assenza della convocazione del consiglio comunale: alla maggioranza (relativa) non interessa minimamente conoscere le opinioni ed ascoltare i suggerimenti (magari sensati) dei consiglieri di minoranza (che rappresentano il 60% della popolazione). Tutto viene deciso intorno ad una specie di tavola rotonda , in modo che tutti noi (simpatizzanti e non)siamo molto più simili ai sudditi di re Artù piuttosto che a dei cittadini. Spero almeno che le poche decine di euro risparmiate per il gettone presenza dei consiglieri vengano destinate alla chiusura di qualche cratere presente nelle strade comunali….


da Saverio Borgognoni
Vice coordinatore circolo PD Filottrano




Questo è un articolo pubblicato il 29-09-2011 alle 10:26 sul giornale del 30 settembre 2011 - 1001 letture

In questo articolo si parla di partito democratico, filottrano, pd, saverio borgognoni, pd filottrano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pQJ