Quantcast

La contro-informazione si organizza ... contro le tossine della disinformazione

Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” 1' di lettura 09/11/2011 -

L’argomento del dibattito viene suggerito dal titolo e riguarda l’uso sistematico di bugie, stereotipi e le vere e proprie campagne di disinformazione a livello mediatico e governativo.



I reportage della manifestazione del 15 ottobre (e le notizie della repressione successiva) sono solo una piccola espressione di un politica della menzogna che si rende attiva dalle guerre umanitarie e mediatiche (ultima quella della Libia), alle scelte economiche e alle lotte operaie, fino alla visibilità negata ai movimenti e alle proteste delle collettività e dei migranti.

Consideriamo importante che su queste tematiche più voci e diversità di percorsi possano incontrarsi ed esprimersi, stimolando la libera circolazione e diffusione delle idee e della verità.

Promuovono l’iniziativa le seguenti realtà di Jesi: Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”, ANPI, Libera contro le mafie, CSA – TNT, Ass. Brigate di Solidarietà Attiva – Marche, ARCI, FAI – Federazione Anarchica Italiana, PRC – Partito della Rifondazione Comunista, Jesi Attiva.



da Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”

...

Il volantino...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-11-2011 alle 15:40 sul giornale del 10 novembre 2011 - 742 letture

In questo articolo si parla di attualità, Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”, centro studi libertari “luigi fabbri”

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/rrH





logoEV
logoEV