Quantcast

Chiaravalle: il ruolo dell'antifascismo al centro della seconda lezione di storia dell'ANPI

Il manifesto 1' di lettura 11/11/2011 -

In un momento delicato della vita del nostro Paese, con una crisi economica che sconvolge le famiglie e il tessuto produttivo che ingenera disoccupazione al massimo livello storico e precarietà, con l’acuirsi della crisi politica e le dimissioni per manifesta incapacità del Presidente del Consiglio, l’ANPI prosegue nella sua iniziativa “Quattro lezioni di Storia” perché ritiene necessario conoscere la nostra storia per poter guardare avanti e lottare per un mondo migliore.



C’è una parte della storia che viene sistematicamente allontanata dalla nostra memoria ed è il sacrificio di molte donne e molti uomini, prevalentemente giovani, che per 18 anni e fino al 1943 hanno rifiutato il fascismo e hanno pagato con il carcere il confino l’esilio la disoccupazione, oltre che con la fame e una vita di stenti, il loro essere antifascisti. Italiani che amavano la libertà e la democrazia e che hanno creato le premesse per la rinascita e il riscatto dell’Italia dando vita alle formazioni partigiane.

La seconda lezione dal titolo “Il ruolo dell’antifascismo – la dittatura e l’opposizione antifascista” si svolgerà Sabato 12 novembre alle ore 17,30, presso la sala del consiglio comunale di Chiaravalle: presiederà Michele Cappelloni della Segreteria ANPI di Chiaravalle e la lezione sarà tenuta dello storico e docente universitario Maurizio Magri. Sarà inoltre presente Alessandro Bianchini che porterà i saluti del Comitato Provinciale ANPI di Ancona.



da On. Claudio Maderloni
Presidente ANPI
Sezione Chiaravalle “Edo Magnalardo”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2011 alle 14:17 sul giornale del 12 novembre 2011 - 719 letture

In questo articolo si parla di attualità, anpi chiaravalle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/rx8





logoEV
logoEV