Quantcast

In manette per spaccio anche il socio algerino del latitante arrestato giovedì

Tenente Eleonora Spadati 1' di lettura 18/11/2011 -

Coinvolto nei traffici di droga a Jesi anche l'algerino R.O., trentenne clandestino da alcuni giorni domiciliato nei pressi di Porta Valle. L'uomo era stato fermato assieme al latitante tunisino ricercato dai Carabinieri di Milano per spaccio di stupefacenti. Entrambi si trovavano nei pressi di un casolare con un tossicodipendente locale.



R.O., dopo l'arresto dell'amico, era stato pedinato in tutti i suoi movimenti dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Stazione di Jesi, fino a localizzare il suo domicilio, nei pressi di Porta Valle.

L’uomo usciva di casa varie volte e si muoveva a piedi in modo guardingo, girando in delle vie trafficate e incontrando varie volte soggetti dediti alla droga. Dopo alcuni di questi servizi, i Carabinieri hanno deciso di fare irruzione nell’alloggio abitato dall’Algerino, che a seguito di perquisizione è stato trovato in possesso di otto grammi circa di eroina suddivisa in dosi, materiale per taglio della sostanza (mannite) e materiale per il confezionamento della stessa. Inoltre nella disponibilità dell’uomo veniva trovata la somma contante di 500 euro.

L’algerino, espletate le formalità di rito, ha raggiunto a Montacuto a distanza di un giorno l’amico e forse socio.








Questo è un articolo pubblicato il 18-11-2011 alle 15:34 sul giornale del 19 novembre 2011 - 528 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ilaria cofanelli, eleonora spadati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/rOY





logoEV
logoEV