Quantcast

Amministrative 2012: Massaccesi, si parla solo di candidati alle primarie, con Pd nulla cambierà

Daniele Massaccesi 2' di lettura 23/11/2011 -

Invece di prendere atto che c’è bisogno di un reale rinnovamento - di metodo, di gestione e di attenzioni per la città - nell’affrontare seriamente i problemi, difficili, che stanno riguardando anche la nostra Città, dandone piena ed aperta contezza ai cittadini, facendoli maggiormente partecipare e non solo subire,  e nel prospettare soluzioni, con interventi forse "minimalisti" rispetto a quelli a cui ci ha abituato l'attuale Amministrazione, ma che ridiano un'immagine di decoro alla città, che deve diventare - o ridiventare - una bella città, dopo aver visto le brutture (ed i buchi) della gestione Belcecchi-Olivi e Co., da parte del PD non si riesce a prospettare altro che il solito teatrino, limitandosi a parlare per mesi, con la sicumera di chi si crede già vincitore come nei decenni passati, di candidati invece che di programmi.



Non si può vivere però di sole stanche e ripetute certezze, con un PD che malgoverna a Jesi in modo arrogante, candidando a Sindaco persone che sono direttamente corresponsabili di 10 anni della gestione amministrativa Belcecchi, dello sfascio di questa Amministrazione, dei tanti buchi, e non solo figurati, della nostra Città e della pessima gestione della vicenda Sadam (Olivi), o Dirigenti di un partito che hanno seguito logiche vecchie ed ora si mascherano da “novità”, ma che hanno almeno la responsabilità di non aver saputo gestire fino in fondo, pur avendone la possibilità, la vicenda SADAM (Vannoni) o Amministratori di grande responsabilità che, negli anni, al di là di scelte a dir poco non felici nella Sanità – e subito accantonate, da altri -, hanno contribuito, senza opporsi, a veder emarginare Jesi sia a livello provinciale che regionale (Melappioni).

Tutto sembra cambiare, in Italia. A Jesi invece no, il solito regime, i soliti metodi, la solita cappa, la solita rete (fatta magari di cointeressenze, di compiacenze): insomma, “nulla cambia”.

Il sistema, invece, è da scardinare, per ridare dignità, decoro ed entusiasmo ad una città oppressa, malgestita e mal curata.



da Daniele Massaccesi
Capogruppo "Una bella città"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2011 alle 18:22 sul giornale del 24 novembre 2011 - 539 letture

In questo articolo si parla di attualità, Daniele Massaccesi, Una bella città

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/r46





logoEV
logoEV