Quantcast

Massaccesi (Una bella città): perchè si permette la giungla nei pubblici esercizi?

Daniele Massaccesi 2' di lettura 24/11/2011 -

Cosa sta avvenendo nel settore dei locali pubblici, bar, caffè ed analoghi? L’apparenza è quella di una giungla, in cui molti hanno proprie regole, ad uso e consumo della propria attività, magari calpestando quelle esistenti, perché non rispondenti alle loro esigenze particolari.



Si legge, e si sa, di situazioni difficili, nel rapporto fra cittadini – ed in particolare coloro che abitano nelle vicinanze - e locali, mai affrontate e non risolte: si sa di insofferenze di molti e di disagi non più sostenibili, legati a varie problematiche.

C'è, per contro, un potere - ordinatorio - del Sindaco che non viene evidentemente esercitato per strani e mai chiariti motivi.

C'è un potere di controllo e di accertamento da parte degli organi preposti che risulta, evidentemente, insoddisfacente, pur nella comprensione delle tante difficoltà esistenti, se è vero che qualche questione rimane aperta e dibattuta, senza una risposta concreta e con l’insoddisfazione di quanti invece la chiedono.

Ma è bene porsi qualche domanda:
Chi controlla orari e rispetto di normative, sia per i permessi che per la musica che viene diffusa (ed attività analoghe, karaoke, ecc.), e relativi decibel?
Chi verifica il rispetto e la rispondenza di circoli e locali privati (Clubs, ecc.), ormai sempre più frequentati - e difficilmente, specie vista l’affluenza, solo da soci - alle normative in essere?
Chi verifica l'agibilità dei locali?
Chi controlla se i locali sono in regola con impianti e dispositivi per i disabili, e con impianti di aspirazione e micro-clima?
Chi preferisce la giungla dei comportamenti ed il proliferare di irregolarità, tollerando certe situazioni, chissà poi perché, e magari controllando e verificando solo qualche esercizio (pochi, in verità), sì da dare modo a questi pochi esercizi di sentirsi di fatto quasi vessati, non giustificando simile comportamento?
Perché c’è questo “andazzo”, ormai non più tollerabile?



da Daniele Massaccesi
Capogruppo "Una bella città"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2011 alle 14:39 sul giornale del 25 novembre 2011 - 643 letture

In questo articolo si parla di attualità, Daniele Massaccesi, Una bella città

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/r6V





logoEV
logoEV