Quantcast

Massaccesi: finirà l'Amministrazione di prenderci in giro con opere faraoniche irrealizzabili?

Daniele Massaccesi 1' di lettura 29/11/2011 -

Una domanda all’Amministrazione Comunale di Jesi, ed in particolare all’Assessore Olivi,  a proposito della STU Campo Boario (definita da Lui, salvo errori, e con modestia, “la più grande operazione  di riqualificazione pubblico – privata della città”), ed atteso che all’Assessore piacciono i grandi numeri e le grandi dimensioni, e le plateali comunicazioni.



E' stato detto che è un intervento su 20 ettari, distribuiti tra Porta Valle e San Giuseppe, passando per l’ex Mattatoio e l’ex Cascamificio, un’area dove oggi vivono oltre 2500 cittadini; 35 milioni di euro sono previsti come investimento per realizzare circa 150 appartamenti da destinare principalmente a giovani coppie e famiglie monoreddito, oltre ad attività commerciali e terziario, tutte a livello di singoli negozi. E poi 3 ettari di verde attrezzato, 2,5 ettari di piazze e percorsi pedonali, parcheggi pubblici e privati, di cui oltre 200 interrati all’altezza del piazzale delle autocorriere.

Rammento che il bando europeo con il quale il Comune dovrebbe ricercare uno o più soci per acquisire il 60% della STU doveva essere pubblicato entro ottobre: CHE FINE HA FATTO QUESTO BANDO (EUROPEO, a meno che, nel frattempo, non sia diventato mondiale, e la ricerca di ulteriori soci internazionali non abbia imposto uno slittamento dei tempi)?

Ma quando finirà, questa Amministrazione Comunale, di prenderci in giro e di mascherare la propria incapacità con progetti mastodontici, di cui si sa già la loro irrealizzabilità?

Quando finirà la politica iesina (PD) di annunciare cose che poi, puntualmente, non vengono fatte?



da Daniele Massaccesi
Capogruppo "Una bella città"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2011 alle 15:06 sul giornale del 30 novembre 2011 - 617 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/siL





logoEV
logoEV