Raccolta differenziata, disagi in città. Le foto

rifiuti 1' di lettura 06/12/2011 -

Nonostante a Senigallia la raccolta differenziata sia avviata ormai da tempo, ancora si evidenziano disagi e problemi causati dai servizi di raccolta. Da un lato i cassonetti troppo pieni e che dovrebbero evidentemente essere svuotati più spesso incentivano il deposito "a terra" dei rifiuti, dall'altro l'inciviltà di molti provocano mini discariche a cielo aperto.



Basta girare per la città che si incontrano le stesse scene: cassonetti pieni e sacchi di spazzatura accatastati intorno. Ad incidere sui servizi, probabilmente insufficienti, anche lo sciopero di martedì scorso quando il grigio, che viene ritirato solo una volta a settimana, è saltato.

Martedì infatti, girando per le vie del centro e della frazione Ciarnin, la scena in molti casi è stata la stessa. Rifiuti di ogni genere che non sono stati raccolti e bidoni della spazzatura stracolmi: sono questi i casi di via Ercolano angolo via Cavallotti, via del Molinello e via Frescobaldi ma anche viale Leopardi, la strada statale di fronte al distributore 'Eni' e via Galvani al Ciarnin. Più drammatica la situazione nei pressi del cinema Uci e dei negozi di via Abbagnano dove i rifiuti prodotti giornalmente dalle attività sono superiori alla capacità dei contenitori che dunque non li contengono.

Ovvia conseguenza quindi, una città meno pulita e meno presentabile agli occhi di visitatori e turisti.








Questo è un articolo pubblicato il 06-12-2011 alle 15:35 sul giornale del 07 dicembre 2011 - 2570 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, senigallia, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/sBY


Foto visibilmente taroccate.
Questo non è possibile in un Comune "virtuoso".

Fabio Rionero

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Indipendentemente dal Comune più o meno virtuoso,noto che da quando è iniziata la raccolta differenziata,la città,le periferie e soprattutto la campagna sono più sporche.La civiltà dei cittadini non si ottiene con la carta d'identità.
Per le campagne si vedono sacchetti gettati un pò ovunque,forse dai finestrini,televisori e mobilia varia "appoggiata" lì e tanto altro.
La mia famiglia è virtuosa da tempi preistorici,non è un vanto,ma una constatazione.
Nonostante ciò ho visto che portare un rifiuto ingombrante nella discarica di S.Angelo è una cosa che fa cascare le braccia anche a me.Macchina personale,orari e regole da....."sfaccendati".
Per non parlare dei mezzi e del personale addetta alla raccolta.Per esempio se è una giornata di vento non si può riempire a tappo il camioncino della plastica.Non è che per caso è ora di una bella tirata di orecchie anche a chi qualche anno fa si è presentato alle riunioni nelle circoscrizioni per presentare la raccolta differenziata come tanti professorini onniscenti.

Sono completamente d'accordo per quanto riguarda l'abbandono dei rifiuti in particolare nelle vie di campagna o periferia un pò più nascoste; questo principalmente dipende dalla inciviltà, ignoranza di alcuni cittadini (per fortuna una minima parte), però, per mia esperienza, credo che contribuiscano anche le istituzioni: provate a portare un pò di materiale di risulta varia a S.Angelo: troverete un sacco di difficoltà, burocrazia, ignoranza ed alla fine c'è sempre qualcosa che non vi ritirano, sicuramente qualcuno, magari arrabbiato per l'arroganza sul ritiro (sembra che ci facciano un gran favore a ritirare i rifiuti!!), ancora più testardo abbandona da qualche parte quello che non è stato ritirato.
Bisogna rispettare anche i cittadini: se portiamo dei rifiuti a S. Angelo, lo facciamo a nostre spese, per responsabilità civile, per rispetto dell'ambiente, e non ci sta bene essere trattati come degli scocciatori che cercano di fregare gli addetti: abbiamo questi materiali che vogliamo smaltire nel rispetto delle regole. In fondo a queste persone siamo noi a pagarle: un pò più di rispetto.

concordo con quanto "redipersia" dice: purtroppo a causa dell'inciviltà di alcuni (x fortuna pochi!)abbiamo le strade, fossi di periferia e campagna pieni di rifiuti. Dobbiamo mettere anche nel conto l'indisponibilità che gli addetti preposti hanno quando portiamo i rifiuti un pò più ingombranti: provate ad andare a S. Angelo: oltre che la diffidenza ed indisponibilità, sembra che ci fanno un piacere; inoltre alla fine state sicuro che alcuni materiali non vengono ritirati; questo naturalmente per qualche persona arrabbiata ed incivile abbandona il reso da qualche parte: bisognerebbe che tutti i funzionari capissero che siamo noi a pagarli con le nostre tasse quindi sicuramente hanno dei diritti ma hanno anche molti doveri!!!
Meditate.
Baffo0

610

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV