x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Monte San Vito: Cillo (Pdl), il nostro giudizio sul ilancio è estremamente negativo

4' di lettura
688

da Thomas Cillo
Capogruppo Pdl di Monte San Vito


Thomas Cillo

Approvato in data 29 Dicembre 2011 il Bilancio di previsione relativo all'anno 2012, il primo bilancio di previsione targato Sartini.

Un bilancio approvato in largo anticipo rispetto a quanto previsto dal Governo (il termine ultimo è fissato per il 31/03/2012), redatto senza tener minimamente in considerazione gli effetti previsti dalla Manovra (incidenza Imu ecc..) e al buio del bilancio Regionale (che ha effetti diretti sul capitolo del sociale) e che costringerà di sicuro a successivi interventi di modifica il Consiglio comunale di Monte San Vito.

Analizzando anzitutto il bilancio, evidenziamo l'aumento delle tariffe individuali che, seppur sottoposte all'adeguamento ISTAT annuale, vengono di fatto aumentate del 2,5%, il costo cospicuo relativamente a indennità della Giunta (86.000 €) e delle spese di segreteria a tempo pieno (74.000 €).

Ma ovviamente, a pesare su un bilancio comunale, oltre a quanto segnalato e ai “costi fissi” riconducibili alla spesa corrente, la parte del leone la fa di certo il Piano delle Opere Pubbliche.

Qui infatti escono tutte le note dolenti dell'azione amministrativa, che a fronte di una serie di priorità a cui si deve necessariamente far fronte, preferisce inserire nell'annualità in corso altri interventi giudicati a nostro avviso minoritari.

E' infatti nota a tutti la situazione di emergenza in cui versano diversi servizi del nostro territorio. Parliamo di scuole, messa in sicurezza dei plessi, cimitero, residenza protetta, campo sportivo, parcheggi ecc...opere che necessitano di un intervento risolutivo.

Ma è altresì cosa nota, di come le casse comunali e soprattutto i bilanci siano addivenuti nel tempo via via sempre più ridotti a causa delle stringenti Manovre Finanziarie che hanno di fatto inciso pesantemente sull'azione degli Enti locali.

In un contesto come questo, occorre pertanto necessariamente fissare delle priorità al fine di poter affrontare in maniera seria e responsabile, quelle emergenze che citavamo pocanzi.

A nostro avviso, le priorità su cui l'attuale amministrazione dovrebbe concentrare tutta la propria attività, ruotano imprescindibilmente attorno all'edilizia scolastica.

La realizzazione di un nuovo Polo scolastico e la messa in sicurezza dei plessi di tutto il territorio, sono in questo momento le reali necessità che incombono a Monte San Vito.

Ma a fronte di tutto questo, che già di per se basterebbe ad impiegare tutto il bilancio dell'anno in corso (e degli anni a venire), l'Amministrazione Sartini investirà su un primo stralcio per l'ampliamento della Scuola Elementare del Capoluogo (1,5 mln di €), effettuerà l'intervento di riqualificazione del campo sportivo con manto in sintetico (370.000 €), realizzerà il parcheggio a servizio del centro storico (500.000 €) e dulcis in fundo realizzerà l'impianto fotovoltaico sul magazzino comunale (430.000 €).

E dato che il “pacco” non era ancora abbastanza pieno, arriva anche la stangata, a partire dal mese di Gennaio, per quanto riguarda gli oneri di urbanizzazione che subiranno un aumento del 30% e che colpirà soprattutto le ristrutturazioni e i recuperi, i piani casa e gli ampliamenti, aumento che giunge in un momento in cui il settore edilizio ed i privati subiscono particolarmente gli effetti della crisi e che invece andrebbero incentivati.

La nostra proposta, ovviamente bocciata, è stata quella di ridurre al minimo l'incidenza relativa all'incremento degli oneri previsto per l'anno 2012.

In considerazione di quanto sopra, che oltre a prevedere ulteriori costi aggiuntivi inerenti il capitolo dei costi della politica (indennità e segretario) che vengono pagate indirettamente dalle tasche dei cittadini, con un piano delle opere pubbliche che non tiene conto delle esigenze reali ma opera secondo criteri a noi non condivisi, abbiamo deciso di non presentare nessun emendamento e quindi di evitare di intervenire con eventuali toppe ritenendo questa pratica di fatto inutile.Quando si ha un programma diverso fatto di priorità diverse non si possono condividere certi principi. Il voto espresso dal gruppo consiliare del Popolo delle Libertà è stato quindi di totale e profonda contrarietà al Bilancio presentato.



Thomas Cillo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-12-2011 alle 11:22 sul giornale del 02 gennaio 2012 - 688 letture