Quantcast

Massaccesi (Una bella città): l'aiuola senza albero di Piazza Federico II, emblema di promesse a vuoto

Daniele Massaccesi 1' di lettura 06/01/2012 -

So che in questo momento può sembrare una questione marginale, ma se un senso ha avuto creare, su una intuizione progettuale, una sorta di mega-aiuola in Piazza Federico II°, destinata ad ospitare un simbolo di pace - ulivo od altra pianta -, sì da caratterizzare anche idealmente la compiuta ristrutturazione della piazza, che senso ha, dopo anni, lasciare la mega-aiuola senza questo simbolo, senza pianta, senza ulivo, e solo con qualche cespuglio, peraltro anche malandato?



Ecco, si voleva dare un simbolo a quel luogo, a Jesi: si ha, per contro, l’immagine plastica delle promesse non mantenute, del non saper fare, dell’incuria e della trascuratezza.

Lì, sotto gli occhi di tutti, in una delle piazze più importanti di Jesi.

Ed in un momento in cui si publicizza, per un presunto marketing territoriale, l’iniziativa “visita, conosci, vivi Jesi e la Vallesina”: bel tour e bella immagine quella offerta, una piccola incompiuta, anche un po’ squallida per come si presenta, nel cuore della città.



da Daniele Massaccesi
Capogruppo "Una bella città"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-01-2012 alle 15:16 sul giornale del 07 gennaio 2012 - 714 letture

In questo articolo si parla di attualità, Daniele Massaccesi, Una bella città

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/tEU





logoEV