x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Epifani al convegno dell'Istituto Gramsci Marche per parlare di lavoro e occupazione

2' di lettura
1370
dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it

Il manifesto

L’Istituto Gramsci Marche e la CGIL territoriale organizzano, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi, un incontro rivolto a riproporre l’attenzione sull’importanza del lavoro, cioè della buona occupazione, in una politica rivolta al superamento dell’attuale crisi economica e sociale.

Per un nuovo tipo di sviluppo, diverso quindi da quello che ha generato la crisi, nel quale il lavoro assuma la giusta centralità.

L’iniziativa di Jesi vuole essere un incontro e un confronto alla quale sono state chiamate persone di notevoli esperienza e livello culturale: un giornalista qualificato delle pagine economico-finanziarie del quotidiano La Repubblica, Roberto Petrini; un docente dell’università di Ancona che ha incentrato i suoi studi sulle problematiche del lavoro, Stefano Staffolani e l’ex segretario generale del maggiore sindacato italiano, Guglielmo Epifani ancor oggi impegnato sui temi del lavoro dirigendo l’associazione culturale nazionale intitolata ad uno dei grandi protagonisti della storia del sindacalismo nazionale, Bruno Trentin. Gli autorevoli relatori parleranno giovedì 26 Gennaio alle 17,00 all'aula magna della Fondazione Colocci, in Via Angeloni 3.

I temi della crisi e del lavoro sono attualmente e drammaticamente all’ordine del giorno non solo dell’attività del governo e del parlamento italiani, ma anche di altri governi e delle istituzioni europee: soprattutto coinvolgono la vita di milioni di persone in carne ed ossa.

Crisi, disoccupazione e precarietà del lavoro creano smarrimento, paura e tensioni sociali. L’Istituto Gramsci Marche e la CGIL propongono ai protagonisti del convegno il compito di contribuire al chiarimento dei problemi e delle prospettive: un momento di riflessione utile per tutte le persone responsabili.

Scriveva un intellettuale prestato al sindacato, Vittorio Foa: “Per capire il nostro tempo abbiamo bisogno di un punto di partenza. Se il punto di partenza non è il lavoro cosa diavolo può essere?" Ecco, proponiamo il punto di partenza: il lavoro.



... Il manifesto


Il manifesto

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-01-2012 alle 15:10 sul giornale del 21 gennaio 2012 - 1370 letture