Quantcast

A teatro per ricordare la la tragedia della Shoah

logo comune di Jesi 2' di lettura 26/01/2012 - Il Comune di Jesi celebra quest'anno il Giorno della Memoria con due iniziativa di grande spessore. Per ricordare la tragedia della Shoah lunedì prossimo, al teatro studio Valeria Moriconi, si terrà una lettura scenica con accompagnamento musicale dal titolo “Destinatario sconosciuto”, a cura della compagnia “Quelli che con la voce...”.

È la riproposizione di una storia piccola ma insieme paradigmatica nella sua ricchezza di significati, raccontata in un libro scritto da Kressman Taylor nel 1938, all'inizio delle persecuzioni antisemite. Il racconto epistolare tra la Germania e l'America tratteggia la storia di Martin, tedesco, e Max, ebreo americano, amici fraterni e soci in affari, il cui rapporto finirà vittima della follia ideologica del nazismo. Un dialogo sentimentale e istruttivo che, partendo da una profonda amicizia, ci costringe a scoprire come il male si può insinuare nella vita degli uomini e cambiarne il destino. La lettura- concerto, organizzata per le scuole superiori e le classi terze delle scuole medie inferiori di Jesi, è prevista per le ore 10,30.

Mercoledì 1 febbraio, sempre al “Valeria Moriconi”, ma con inizio alle 21,15, all'interno della nuova rassegna musicale “Prospettive - Percorsi di teatro musicale”, il Macrocosmi Ensemble propone un concerto dedicato sempre al Giorno della Memoria con l'esecuzione del “Quartetto per la fine del tempo” del compositore francese Olivier Messiaen.

Messiaen venne fatto prigioniero durante l'invasione tedesca della Francia nel 1940 e internato in un campo di lavoro presso Gorlitz, in Polonia. Qui, trovando tra i suoi compagni di prigionia dei musicisti, compose e fece eseguire, con il beneplacito del comandante del campo appassionato di musica, il “Quatour pour la fin du Temps”, basato sui testi dell'Apocalisse. La prima esecuzione del brano avvenne nel gennaio del 1941, sotto la neve, di fronte ai prigionieri del campo radunati nel piazzale gelato.

L'esecuzione del quartetto si intreccierà con la voce recitante di Isabella Carloni e le videoproiezioni appositamente realizzate dall'artista digitale jesino Fabrizio Carotti, con il supporto tecnico di Paolo Appignanesi. L'evento è organizzato in collaborazione con la Scuola Musicale G.B. Pergolesi di Jesi, la Fondazione Pergolesi Spontini, l'Orchestra Filarmonica Marchigiana e l'Amat, con il sostegno della Regione Marche e il patrocinio del Comune di Jesi. Biglietto d'ingresso a 10 euro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-01-2012 alle 22:44 sul giornale del 27 gennaio 2012 - 837 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Comune di Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ure





logoEV