Quantcast

Filottrano: Carnevali (Udc), fioccano gli aumenti

Doriano Carnevali 2' di lettura 27/01/2012 - L’articolo dell’Assessore Paolucci nel numero 4 di Filottrano notizie sulla situazione dei lavori pubblici anticipava che l’Amministrazione avrebbe effettuato notevoli e spiacevoli aumenti dei tributi. In questa attività registriamo che l’Amministrazione è sempre molto veloce e reattiva e di conseguenza sono iniziati immediatamente a fioccare gli aumenti o l’eliminazione delle poche agevolazioni ancora presenti.

Aumento dell’addizionale Irpef per l’anno 2012 si passa dallo 0,75% attuale allo 0,8%; colpirà tutti i lavoratori e produrrà un gettito che passa da 790.000€ a 840.000€ con un incremento di entrata per il Comune di ben 50.000€ (Delibera di consiglio 50 del 20-12-2011).

Eliminazione della agevolazione per le famiglie di nuova costituzione che permetteva di avere una tariffa di igiene ambientale ridotta del 70% per i primi tre anni. L’eliminazione della agevolazione permetterà di incamerare al Comune un ulteriore introito di circa 10.000€ (Delibera di consiglio 49 del 20-12-2011).

Aumento ulteriore della tariffa per la gestione dei rifiuti dovuto all’avvio della raccolta differenziata porta a porta. L’incremento per i cittadini sarà significativo in quanto la società incaricata, Ecofon Conero, lo ha valutato intorno al 21,36% in più rispetto alla tariffa del 2011 (Delibera di Giunta del 20/12/2011 n. 210).

A ciò, l’Assessore Pasquini, in Consiglio Comunale ha già anticipato che si aggiungerà probabilmente l’aumento al minimo del 4 per mille su l’IMU (la nuova Ici) sulla prima casa e al 7,6 per mille sulla seconda casa. Per le altre tipologie di fabbricati si prevede inoltre un incremento di 2 o 3 punti come consentito dalla manovra del Governo. Da non sottovalutare poi che i valori degli immobili andranno rivalutati catastalmente del 60%.

A parte gli aumenti prodotti dagli interventi dei vari Governi, quello attuale piuttosto che il precedente, riteniamo che sia necessario evitare di creare localmente ulteriori balzelli che contribuiscono a rendere sempre meno sopportabile la situazione economica alle famiglie.

Avevamo chiesto all’Amministrazione, tempo fa, di dare l’esempio procedendo con una riduzione dei loro stipendi prima di chiamare i cittadini a fare sacrifici. Non siamo stati ascoltati, anzi in quel momento siamo stati accusati di demagogia salvo poi procedere da parte della Giunta ad un mero atto simbolico con una riduzione intorno al 10%.

La richiesta fatta a suo tempo di riduzione di almeno il 30% è purtroppo oltremodo attuale. Tutti i componenti la Giunta hanno un lavoro o sono in pensione e quindi possono ridursi senza problemi lo stipendio evitando di incidere ancor più pesantemente sui cittadini e sulle famiglie che sono invece costantemente tartassati.

Solo dopo, a nostro avviso si potrà procedere nel valutare eventuali aumenti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2012 alle 17:26 sul giornale del 28 gennaio 2012 - 829 letture

In questo articolo si parla di attualità, udc, doriano carnevali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/utB





logoEV