Rifiuti: salta ancora il ritiro, resta la discarica in via Sanzio e mancano i sacchetti

1' di lettura 19/02/2012 - Prima il maltempo, adesso i disservizi. La raccolta differenziata in città non fila mai liscio. Anche ieri è saltato un altro passaggio del ritiro dei rifiuti. E stavolta è toccato alla carta.

Già la scorsa settimana per diversi giorni i rifiuti non erano stati ritirati a causa della neve e tutto sommato, considerati i giorni clou delle nave, qualche disagio poteva essere anche tollerato. Sabato però, nonostante le strade ormai perfettamente sgombere e anche il centro storico libero dal ghiaccio, la carta non è stata ritirata. Almeno nella maggior parte delle zone.

In Piazza Simoncelli, piazza Manni, e anche in varie vie limitrofe di corso II Giugno alle 6 pomeriggio campeggiavano bidoni colmi di carta non svuotati. Stesso dicasi per l'ultimo tratto di via Mamiani, quello che si interseca con la statale, troppo spesso dimenticato dagli operatori addetti al ritiro della differenziata. Nel caso della carta di sabato il disagio è prorogato nel tempo dal momento che il passaggio viene eseguito solo il sabato e che già il 4 e l'11 febbraio, a causa della neve, la raccolta non era stata effettuata. Per sperare nel ritiro della carta bisognerà attendere ora un'altra settimana.

Ma non solo. Mentre continua a persistere la discarica a cielo aperto lungo la statale Sanzio, nel piazzale poco dopo villa Aosta, da settimane non sono disponibili nei centri di distribuzione del Cir33 i sacchetti per la raccolta dell'organico. In questo modo i cittadini sono costretti a comprare i sacchetti quando invece nei centri del Cir33 vengono distribuiti gratuitamente. Un disservizio di cui lo stesso Cir33 avvisa la cittadinanza tramite il proprio sito internet.








Questo è un articolo pubblicato il 19-02-2012 alle 07:54 sul giornale del 20 febbraio 2012 - 2676 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, rifiuti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vo0


per sacchetti dell'organico, dato che mancano, si possono andare a comprare. non costano nemmeno molto si trovano in tutti i centri commerciali.
saluti

D'accordo, la soluzione c'è ovviamente ma ricordo che 20 sacchetti costano dai 3 ai 4 euro e li paghiamo due volte in quanto nella nostra bolletta sono già conteggiate. Quindi va bene avvisare i cittadini che la ditta AIMERI Ambiente non sta fornendo i sacchetti e che i cittadini "bravi" si dotino a parte dei sacchetti ma vorrei che il CIR33, che dovrebbe tutelarci, faccia pagare una penale alla ditta e questa girata come sconto alla prossima bolletta (anche questo dovrebbe scrivere).
Se la ditta se la passa indenne da questo (a noi costa relativamente poco ma la ditta AIMERI risparmia molto) vuol dire che il lavoro anche di tutela del CIR33 non funziona quindi andrebbe rivisto il sistema consorzio......i furbetti devono stare a casa oggi non c'è più spazio per loro; il cittadino non può sempre tamponare con i suoi soldi.




logoEV