I disservizi della differenziata mettono in crisi le aziende

Michaela Rodica 2' di lettura 24/02/2012 - Spesso la raccolta differenziata salta in alcune vie della città e quasi sempre gli orari previsti non vengono rispettatti. Le imprese di pulizia che effettuano la pulizia dei cassonnetti per conto dei privatisono particolarmente danneggiate da questa situazione. E' quanto afferma l'impresa di pulizie Mikela Group di Senigallia.

"Noi puliamo i cassonetti il giorno stesso che l'Aimeri ritira i rifiuti - racconta Michaela Rodica dell'impresa Mikela Group - ma se i rifiuti non vengono raccolti non possiamo pulire. E se non effettuiamo il servizio non fatturiamo ai clienti, contrariamente alla Tarsu, che viene pagata anche se i rifiuti non vengono raccolti".

Ma i disagi non finiscono qui: "Anche quando la raccolta viene effettuata i tempi non sono mai rispettati, così dobbiamo mandare i nostri dipendenti a vedere se la raccolta è stata effettuata anche quattro volte al giorno. E non è tutto. A volte i cassonetti regolarmente puliti vengono sostituiti con altri sporchi. Abbiamo visto cassonetti con il nostro adesivo in zone della città che non serviamo. E questo succede anche con il grigio".

L'abitudine si sostituire il cassonetto del grigio è particolarmente grave. Quando infatti avverrà il passaggio del pagamento della Tarsu da tassa a tariffa, gli utenti pagheranno per l'effettiva quantità di grigio prodotto. Se il proprio cassonetto viene sotituito o se ci vengono gettati altri rifiuti, si pagherà per i rifiuti di quacun altro.

Michaela Rodica ha chiesto un colloquio con i dirigenti dell'Aimeri Ambiente, la ditta incaricata dal Cir33 di effettuare la raccolta il cui contratto di appalto scade a marzo, ma i dirigenti avrebbero rifiutato l'incontro. "Stiamo valutando l'opportunità di ricorrere alle vie legali contro l'Aimeri", conclude la Rodica.






Questo è un articolo pubblicato il 24-02-2012 alle 09:00 sul giornale del 25 febbraio 2012 - 1442 letture

In questo articolo si parla di attualità, michele pinto, rifiuti, cassonetti, michaela rodica, mikela group srl

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vEs


Pur rispettando e approvando ogni singola parola scritta dalla Sig.ra Rodica, credo che la problematica più grossa da affrontare sia la proprietà del cassonetto.
Questo perchè il contratto per il lavaggio viene sottoscritto con il privato, mentre i cassonetti (a parte quelli del grigio) non hanno effettivamente un affidatario "ufficiale".




logoEV