Cantarini (Idv): il sindaco tuteli i lavoratori dalla pseudo-liberalizzazione dell'apertura dei negozi

idv marche 2' di lettura 16/04/2012 - Il sapere che a Jesi negozi, supermercati e centri commerciali potranno restare aperti, oltre le domeniche (che già considero un'aberrante assurdità), anche nelle festività del 25 aprile e del 1 maggio mi riempie di tristezza.

Questo grazie alla Legge del 23 Dicembre 2011 n. 214 del Governo Monti, con la quale vengono liberalizzati gli orari di apertura e di chiusura e le aperture domenicali e festive degli esercizi commerciali.

Inutile dire che questa pseudo-liberalizzazione “a favore del cliente”, in realtà nulla porta ai consumatori. Innanzitutto le spese che il negoziante sosterrà per tenere aperta l’attività nei giorni festivi andranno ad incidere sul prezzo finale del bene (anche perché i suddetti negozi saranno pressoché vuoti, non penso che gli jesini siano tanto sciocchi da preferire l’appiattimento culturale dello shopping domenicale al poter andare ad una mostra, ad un concerto, al cinema, a teatro, ad un evento sportivo o semplicemente al poter passare del tempo libero con la propria famiglia o con le proprie amicizie).

Ma soprattutto questa legge assurda andrà a modificare la vita di migliaia di commesse e commessi che saranno costretti a passare anche le domeniche e le festività all’interno di un centro commerciale. Chi guarderà i loro figli? Chi assisterà i loro anziani? Chi restituirà a questi lavoratori il tempo libero che non possono trascorrere con i propri cari, con i propri amici, con i propri affetti?

In relazione alla normativa statale in esame si ritiene, tuttavia, che sia fatto salvo il potere del Sindaco di emanare ordinanze di limitazione per motivi imperativi di interesse generale, come ad esempio ragioni di pubblico interesse, tra i quali è contemplata la tutela dei lavoratori.

Credo che sia dovere della nuova amministrazione far si che questa legge vergognosa venga applicata nel comune di Jesi nella maniera più restrittiva possibile, al fine di tutelare nel miglior modo possibile tutti i lavoratori penalizzati da questa ridicola “liberalizzazione”.


da Lorenzo Cantarini
Coordinatore Comunale Idv Jesi
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2012 alle 17:20 sul giornale del 17 aprile 2012 - 741 letture

In questo articolo si parla di attualità, italia dei valori, idv, Lorenzo Cantarini, idv jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xQe