x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Chiaravalle: De Amicis (Fiamma Tricolore), Maderloni non ha spiegato perché ha cambiato idea

3' di lettura
923

da Riccardo De Amicis
Segretario Provinciale Fiamma Tricolore


Fiamma Tricolore

Viste le recenti e vivaci polemiche relative al nostro ultimo comunicato, ribadiamo che non era nostra intenzione offendere né tantomeno insultare personalmente l'on. Maderloni, ma mettere in evidenza ciò che ai nostri occhi appaiono come contraddizioni politiche che lo hanno spinto recentemente a sostenere più volte il duo Montali-Moscatelli.

L’on. Maderloni se rilegge con più attenzione il nostro comunicato non troverà nei suoi confronti nessun attacco personale, ma solo ed esclusivamente delle valutazioni politiche che crediamo sia doveroso ribadire per non scendere in ulteriori fraintendimenti.

Il 10 aprile del 2006, l’on. Maderloni veniva eletto alla Camera dei Deputati, nelle file dei Democratici di Sinistra (presidente di allora era Piero Fassino) partito che nell'ambito del progetto ulivista, insieme ai centristi della Margherita, dopo il IV congresso che si svolse a Firenze dal 19 al 21 aprile del 2007, confluirà nell’attuale Partito Democratico. Infatti il 5 maggio 2007 al PalaCongressi di Roma, le aree diessine contrarie alla nascita del PD, daranno vita ad un nuovo movimento, denominato Sinistra Democratica che si poneva l’obiettivo di unire le forze che si collocano a sinistra del PD. Difatti il 16 maggio 2007 vengono creati i gruppi parlamentari di Sinistra Democratica sia al Senato sia alla Camera a cui aderisce anche l’on. Maderloni fino a scadenza del mandato avvenuto il 28 aprile 2008.

La scissione dà definitivamente avvio al processo che porterà il 9 dicembre 2007 alla nascita a livello nazionale del cartello elettorale Sinistra-l'Arcobaleno di cui facevano parte Rifondazione Comunista (PRC), Partito dei Comunisti Italiani (PdCI), Federazione dei Verdi (Verdi) e appunto Sinistra Democratica (SD).

Tant’è vero che l’11 marzo 2008 l’on. Maderloni, fedele alla propria scelta, ufficializzava la sua candidatura a sindaco di Chiaravalle per il gruppo Sinistra Arcobaleno in alternativa alle proposte Montali, Fenucci e Onelli. Come abbiamo cercato di spiegare, non è nostra intenzione mettere in discussione il nobile progetto, da parte dello stesso, di perseguire e ricostruire una sinistra alternativa alla proposta centrista del PD. Ed allora chiediamo all’on Maderloni: che cosa è successo dopo le sue dimissioni da consigliere comunale, ha cambiato idea? A distanza di anni, nonostante tutto, è prevalso quel senso di gratitudine (gesto ammirevole) nei confronti di quel partito o di quegli esponenti ex-DS (Montali-Moscatelli oggi PD) che gli hanno dato l’opportunità di essere eletto alla Camera? Perché a noi della Fiamma Tricolore hanno insegnato che le posizioni politiche per coerenza vanno mantenute nel tempo e non a seconda delle circostanze o delle eventuali convenienze personali.

Ed è per questo che rispediamo al mittente le offese gratuite di ignoranza e di illazioni nei nostri ragionamenti, che anzi evidenziano ulteriormente l’incapacità e l’evidente difficoltà da parte dell’on. Maderloni di argomentare sul piano prettamente politico e di essere sceso ad un livello di disquisizione e disputa personale.

Per questo il prossimo 27 aprile ci auguriamo che oltre al PDL, in coerenza con il proprio mandato elettorale, anche il gruppo Sinistra Arcobaleno voti la mozione degli 8 consiglieri, ponendo fine anticipatamente alla seconda amministrazione Montali, periodo che alla luce dei fatti si è caratterizzato per pochezza di idee, eccessivi personalismi e confusione programmatico-progettuale dovuta ad una maggioranza costruita per vincere le elezioni e non per governare ed amministrare la città.

Allo stesso tempo noi del Movimento Sociale speriamo che dopo l’auspicabile periodo di commissariamento prefettizio, anche a Chiaravalle si torni a discutere di quei problemi che da troppo tempo latitano e sono assenti nel dibattito cittadino. A riguardo, accogliamo l’invito dell’on. Maderloni ad ogni tipo di confronto che riguardi idee su lavoro, urbanistica, lavori pubblici, mobilità, politiche giovanili, sanità, servizi ed ambiente e non su disparate e personali visioni oniriche riguardanti piste ciclabili, piante e panchine di viale delle sigaraie.



Fiamma Tricolore

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2012 alle 20:55 sul giornale del 17 aprile 2012 - 923 letture