x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Monte San Vito: Sassi (Fli), ancora sconosciuti i tempi dei lavori per la “Casa protetta”

2' di lettura
599
da Giorgio Sassi
Consigliere Comunale di Monte San Vito
Futuro e Libertà

Giorgio Sassi

Più di 6 mesi fa chiedemmo di conoscere i tempi dei lavori di adeguamento della casa protetta e rimanemmo molto perplessi sulle date che evidenziavano un percorso iniziato con una legge regionale del 2002, di un regolamento attuativo del 2006 e di un progetto approvato nel 2010 (circa 8 anni).

Inoltre si evidenziò la mancanza assoluta di un progetto di ospitalità degli anziani che in occasione della discussione in consiglio comunale fu liquidata con “si segnala di acquisire tali informazioni presso il responsabile servizi sociali”.

I lavori che dovrebbero essere eseguiti entro il 31.12.2012, richiedono un periodo di circa 18 mesi e quindi abbondantemente oltre il limite massimo indicato dalla regione salvo ulteriori proroghe.

Sui costi, oltre a non avere idea di quanto necessario per ospitare gli anziani in altre sedi non c’è nemmeno la copertura per eseguire dette opere e sicuramente non ci sembra corretto dire oggi a 10 anni dall’approvazione della legge “… l’ opera va oltre le possibilità finanziare dell’amministrazione che non può farsi carico anche perché gli ospiti vengono da sedi territoriali vicine” oppure “non si possono porre i comuni sotto la spada di Damocle fissando una data e non dando i soldi per realizzare l’opera”.

A parte i dieci anni di assoluta mancanza di programmazione, di studio, di ricerca di fondi, di condivisione con le famiglie degli anziani non si poteva destinare i fondi ad esempio della copertura in sintetico del campo di calcetto (370.000 euro)? Ad oggi non c’è ancora un progetto definitivo anzi alcune voci che ci sono arrivate parlano di un parziale disimpegno di questa amministrazione dalla gestione della casa protetta e crediamo, se ciò corrispondesse alla verità, che ci debba essere condivisione con i diretti interessati e le loro famiglie.



Giorgio Sassi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2012 alle 19:06 sul giornale del 17 aprile 2012 - 599 letture