x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Interporto: “Il Sen. Baldassarri ha ragione, bisogna puntare sull’alta velocità Bologna-Bari”

2' di lettura
823
da Interporto Marche spa

Roberto Pesaresi

“Il problema posto dal Sen. Mario Baldassarri sull'importanza della scelta strategica di puntare sull’alta velocità Bologna-Bari da realizzare con le risorse della Macroregione Adriatico Ionica” - ha detto Roberto Pesaresi, Presidente di Interporto Marche Spa - “riguarda i livelli decisionali europei e italiani ed è coerente con quanto pianificato e realizzato.”

Con queste parole il presidente Pesaresi ha commentato la presa di posizione del senatore marchigiano ricordando l'importante risultato, per le prospettive di sviluppo della Piattaforma Logistica delle Marche, dell’inserimento della tratta ferroviaria Bologna-Ancona e del porto di Ancona nel “core network”” e dell’interporto delle Marche nel “comprehensive network” europeo della rete di trasporto TEN-T.

“Ad essi – ha aggiunto Pesaresi - si collega il progetto della massima strategicità per lo sviluppo dell'intermodalità nel centro-Italia del Corridoio Baltico-Adriatico, uno dei corridoi strategici di interesse europeo nel quadro del prospetto finanziario del periodo di programmazione 2014 – 2020” “Il percorso di costituzione della Macroregione Adriatico-Ionica – ha concluso Roberto Pesaresi riferendosi ancora alle dichiarazioni del Sen. Mario Baldassarri - implica strategie geopolitiche ed opzioni rispetto alla programmazione finanziaria europea 2014-2020 ed alla rimodulazione di quella 2007-2013, comprendendo anche effetti concreti, di cui il corridoio Baltico-Adriatico è un esempio.” Il Comitato delle Regioni, a tal proposito, ha approvato l’inserimento delle Marche e di Ancona nel tracciato originario. Nel documento approvato dal Comitato delle Regioni il Corridoio, e con esso le previste connessioni intermodali, viene prolungato verso sud interessando l’intera area adriatica italiana e quindi le Marche, Ancona e il suo porto. In questo contesto, la Macroregione Adriatico-Ionica rafforzerebbe e decongestionerebbe l’accesso sud-orientale dell’Europa, potendo comprendere anche l’area del Mediterraneo centro orientale attraverso l’allungamento del Corridoio Baltico-Adriatico. E' importante quindi continuare a lavorare affinché nei documenti della Commissione Europea relativi al Corridoio Baltico-Adriatico venga indicato che lo stesso venga prolungato alla dorsale adriatica, comprendendo le Marche e quindi Ancona, e non si fermi a Ravenna.

“Ritengo che il raggiungimento di questo obiettivo sia indispensabile per poter poi pensare all’alta velocità Bologna-Bari”.



Roberto Pesaresi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2012 alle 14:29 sul giornale del 24 aprile 2012 - 823 letture