x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Amministrative 2012: Coppola (PPSD), Se tutto ciò che abbiamo fatto fosse servito a spronare siamo ne siamo contenti, ma durerà?

3' di lettura
993

da Pasquale Coppola
Partito Popolare Sicurezza e DIfesa
 


Pasquale Coppola

C’è qualcosa che mi dice che l’aria sta cambiando e ad accorgersene sono stati gli stessi “potenti” che fino ad ieri ti snobbavano perché convinti della loro superiorità e dell’incondizionato sostegno dei propri iscritti e dei cittadini jesini che per anni hanno assistito indifferenti all’avvicendarsi dei soliti “incantatori” dei soli imbonitori che con promesse, mai mantenute, hanno fatto della città di Jesi un feudo inespugnabile.

Ora queste grosse macchine da guerra hanno dei condottieri terrorizzati che non capiscono ciò che gli accade intorno e attaccano tutto e tutti cercando di sferrare il colpo giusto senza sapere però quando, a chi e perché. La sensazione che avevo di una classe politica ormai finita sta diventando una certezza ed a dimostrarlo è il continuo affannarsi dei tradizionali partiti politici a voler percorrere strade già percorse, ostinandosi a continuare di voler far credere ai cittadini che sono più capaci, più bravi ma soprattutto più potenti degli altri, anche di quelle piccole realtà politiche come la mia che fino a poco tempo fa non suscitava per loro la benché minima preoccupazione. Tutto questo però in un momento tanto travagliato per la nostra economia non lo so si deve fare spendendo tanto denaro (speriamo non pubblico) per organizzare grossi eventi.

Mi riferisco, in particolare, a quanto andrà in scena sabato al palazzetto dello sport dove si ripeterà quanto il Partito Popolare Sicurezza e Difesa, a costo zero, ha già messo in atto, non importa con quanto successo e partecipazione di pubblico (che pure è stato notevole), ossia l’incontro con le comunità straniere, ed in particolare quella romena, presenti a Jesi. Non so quanto premia questa strategia di voler a tutti i costi confondere le idee di persone che fino a ieri non solo non erano mai state considerate ma addirittura le si additava come un problema per la città.

Per quanto mi riguarda io sento il dovere di avvertire questa gente di valutare con attenzione tutto questo buonismo che oggi li circonda, che se corrispondesse a verità saremmo i primi ad esserne contenti, cercando di evitare di diventare un giocattolo nelle mani di chi poi, come sempre è accaduto nel passato, lo depositerà, ad elezioni finite, nella cesta dei ricordi.

Noi del Partito Popolare Sicurezza e Difesa confermiamo il nostro impegno ad iniziare insieme a tutte le comunità straniere di Jesi quel percorso che ci faccia giungere all’eliminazione dei pregiudizi e delle disuguaglianze e che nel pieno rispetto della legalità ci faccia diventare figli della stessa città.

Con l’occasione ricordo che il PPSD ha già provveduto ormai da tempo ad inserire nel proprio organico un Responsabile delle Comunità Straniere, Veronica Steoleacà, che con la sua serietà, la sua preparazione e la sua disponibilità ha già egregiamente avviato un serio e vero processo di integrazione sociale di tutte le comunità straniere presenti a Jesi e su tutto il territorio della Vallesina.



Pasquale Coppola

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-04-2012 alle 22:52 sul giornale del 27 aprile 2012 - 993 letture