Quantcast

Amministrative 2012: Pieroni (Movimento 5 Stelle), il dovere di partecipazione come presupposto ai diritti

Movimento 5 Stelle Jesi 2' di lettura 02/05/2012 - In un anno cruciale come il 1860, uno dei padri della democrazia europea, Giuseppe Mazzini, le cui riflessioni non cessano di essere attuali, scrisse: “Voi siete e vi sentite liberi. Voi siete liberi e quindi responsabili”.

La libertà non esiste senza l’uguaglianza, ma non esistono né uguaglianza né libertà senza una profonda coscienza dei doveri cui tutti noi siamo chiamati.

Nella maggior parte dei paesi occidentali e quindi anche nel nostro Paese, viviamo in sistemi democratici che si basano sulla rappresentanza; sistemi nei quali, cioè, i rappresentanti, sin dal momento in cui sono eletti, devono trasformare in atti di governo la volontà dei cittadini.

Oggi, stiamo assistendo a una profonda crisi della rappresentanza politica e lo vediamo da tutta una serie di fattori, tra i quali, la grande crescita di quel grande partito che è diventato l’astensionismo e l’attribuzione di un ruolo sempre crescente alla tecnica.

Poichè noi cittadini non dovremmo mai smettere di esercitare il nostro potere, ma anzi, continuare a governare attraverso lo Stato, è fondamentale che torniamo a sentirci responsabili della vita politica e a parteciparvi attivamente.

È questo processo di “democrazia partecipativa” che ci proponiamo di realizzare, al fine di garantire a tutti i cittadini i diritti fondamentali, le pari opportunità, un ambiente sano e un’aria più pulita.

L’amministrazione pubblica deve essere, perciò, espressione della volontà dei cittadini e come tale sottoposta al giudizio di tutti, tenendo sempre presente che la Partecipazione è elemento essenziale non solo di gestione, ma anche di controllo della cosa pubblica.

Cosa significa, in concreto, Partecipazione? Essa si traduce in due semplici ma essenziali concetti: per prima cosa, come abbiamo detto, vede come soggetti protagonisti tutti gli individui e le associazioni in cui essi si riuniscono; inoltre, vuole coinvolgere i cittadini in tutte le fasi della decisione pubblica, non solo di progettazione ma anche di attuazione.

Il Movimento 5 Stelle quindi, si propone di coinvolgere nell’amministrazione della città, attraverso proposte come il Bilancio Partecipato e la creazione di Assemblee di quartiere, i cittadini, al fine di dar loro una partecipazione sempre crescente alla vita e alle decisioni politiche.


da Elisa Pieroni
Candidata alla carica di consigliere comunale

Massimo Gianangeli
Candidato Sindaco

Movimento 5 Stelle Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-05-2012 alle 17:36 sul giornale del 03 maggio 2012 - 1089 letture

In questo articolo si parla di attualità, Massimo Gianangeli, Movimento 5 Stelle, Elisa Pieroni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ywQ





logoEV
logoEV