Quantcast

Amministrative 2012: anarchici, Gianangeli sproloquia sull'anarchismo

Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” 1' di lettura 03/05/2012 - Apprendiamo dalla stampa locale che il candidato a sindaco del movimento cinque stelle sproloquia di anarchismi e altro. Certo che per racimolare qualche voto e colmare qualche vuoto argomentativo, prendersela con l’astensionismo anarchico può essere utile, non molto democratico, e sicuramente privo di memoria.

Di memoria, in quanto dimentica che nei locali del centro studi libertari in più occasioni sono stati ospitati chi lottava contro la centrale a bio-masse, o contro la TAV o contro la quadrilatero. Dimentica l’impegno degli anarchici – e non solo - contro la turbogas e l’interporto, contro i licenziamenti nelle fabbriche. Si ricorda forse del comitato disoccupati della vecchia Sima portato avanti proprio dall’impegno anarchista? O della partecipazione ai picchettaggi alle quattro del mattino davanti alla Fiat New-Holland? Non sta a noi presentare il curriculum a chi riesce a malapena a distinguersi dalla stessa politica che dice di combattere, a chi è stato capace di negarci la parola in manifestazioni pubbliche. Peccato, il movimento ci piaceva di più quando andava incontro ai cittadini e ai movimenti, in campagna elettorale non riesce a differenziarsi molto da tutti gli altri, a partire dai manifesti “faccia-ta” che con un bel sorriso vogliono rassicurarci della buona futura amministrazione.



da Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-05-2012 alle 15:41 sul giornale del 04 maggio 2012 - 2100 letture

In questo articolo si parla di attualità, Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri”

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yzh





logoEV
logoEV