Quantcast

Rubano rame per 70mila euro: arrestati tre romeni

Controlli dei Carabinieri 2' di lettura 03/05/2012 - L'occasione, si sa, fa l'uomo ladro e quale giornata migliore per mettere in atto un furto ai danni di un'azienda il primo maggio? E' quanto hanno provato a fare tre romeni tra i 21 e i 42 anni, senza fissa dimora ma domiciliati in un campo nomadi del pesarese. I tre uomini, B.I., C.C., e M. F., a bordo di un furgone si erano recati a Jesi in occasione del ponte del primo maggio per mettere a segno il colpo.

Parcheggiato il mezzo in via Roncaglia, si sono diretti presso la ditta "Facchini" e qui, indossata la divisa da lavoro, si sono impossessati di un camion provvisto di gru della ditta e da qui hanno raggiunto la "Sider Adriatica", ove hanno provveduto ad asportare circa 40 quintali di rame per un valore complessivo di 70mila euro.

I tre si sono poi fuggiti a bordo del furgone che avevano lasciato in via Roncaglia, non prima, però, di aver abilmente nascosto il camion pieno della refurtiva sotto un cavalcavia della SS 76, coperto da un telo verde, con l'intento di andarlo a recuperare nei giorni seguenti.

Una pattuglia dell'aliquota Radiomobile, guidata dal maresciallo Roberto Scarpone, aveva notato il furgone con targa romena parcheggiato in via Roncaglia e, insospettita dal fatto che nelle vicinanze della strada non ci fossero abitazioni o ditte tali da giustificare la presenza del mezzo, ha presidiato tutte le vie che si affacciano o comunque conducono alla stessa. Durante la notte del furto, i tre romeni sono stati subito notati dalla pattuglia, mentre si dirigevano velocemente verso il furgone, diretti poi all'uscita Jesi Est per immettersi sulla A14 direzione sud.

Il furgone è stato poi bloccato tra Macerata e Fermo con l'ausilio della Polizia Stradale di Ascoli Piceno, sottosezione di Porto San Giorgio, e i tre romeni condotti nella caserma jesina per accertamenti. Nel frattempo la zona di via Roncaglia veniva battuta da oltre venti carabinieri alla ricerca del furgone sottratto alla "Facchini", trovato appunto sotto un cavalcavia.

Sono attualmente in corso ulteriori accertamenti per verificare se i tre fossero gli autori di analoghi raid messi a segno in altre ditte con la medesima tattica. Gli uomini sono stati arrestati per furto aggravato in concorso.








Questo è un articolo pubblicato il 03-05-2012 alle 15:11 sul giornale del 04 maggio 2012 - 612 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ilaria cofanelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yy1





logoEV
logoEV