Quantcast

Rugby: brutta avventura per la Baldi, sul volo di ritorno da Lisbona

Rugby Jesi 70 2' di lettura 03/05/2012 - Davvero una brutta avventura quella in cui è incappata la Baldi Rugby Jesi '70, in ritorno dal Portogallo. La squadra di Marco Montesi, a cavallo del ponte del 1° maggio, si era recata nella zona di Lisbona dove aveva affrontato in amichevole la locale squadra del San Miguel, che disputa il campionato di terza divisione portoghese.

L'esperienza è un rituale che la squadra biancoverde fa tutti in tutti i finali di stagione e quest'anno era anche arrivata una bella vittoria per 36-29. Il veleno però attendeva in coda al viaggio.

Sull'aeromobile della compagnia Easy Jet, infatti, al momento dell'imbarco (come riferisce anche il sito internet del quotidiano La Repubblica) c'era un passeggero in più rispetto alla lista a disposizione degli assistenti di volo. La cosa già di per se, dopo i fatti tristemente noti dell'11 settembre 2001, aveva generato una certa inquietudine tra i passeggeri e quindi tra i nostri ragazzi. Ma quello che è capitato di lì a poco ha dell'incredibile. Il volo in questione era il Lisbona-Roma, con circa 150 passeggeri a bordo, e sarebbe dovuto decollare dalla capitale del Portogallo alle 11:35, ma ha accumulato ben 3 ore di ritardo toccando il suolo italiano solo alle 18:00. Il passeggero "di troppo" è stato individuato dopo varie ricerche in una persona che, stando a quanto riporta La Repubblica, era "un ragazzo senza documenti e con lo sguardo smarrito".

Ma non finisce qui. L'intruso è stato fatto scendere e l'aereo si preparava a decollare come se nulla fosse. Solo le proteste dei passeggeri hanno portato ad un controllo approssimativo dei bagagli a mano. Stando ai racconti dei presenti, la cosa non ha (giustamente) soddisfatto i passeggeri, i quali avrebbero dovuto volare con il patema che il ragazzo fatto scendere avrebbe potuto già avere imbarcato in precedenza un bagaglio nella stiva, magari contenente dell’esplosivo. A quel punto è scoppiata un vera ribellione a bordo, che ha convinto le approssimative autorità locali e della compagnia low-cost inglese a far scendere tutti per effettuare nuovamente il check-in. Solo a quel punto i ragazzi della Baldi e gli altri possessori del biglietto del volo Lisbona-Roma n°4978 sono risaliti (più tranquilli) sull’aereo e sono partiti per far ritorno in Italia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-05-2012 alle 17:22 sul giornale del 04 maggio 2012 - 1433 letture

In questo articolo si parla di sport, jesi, rugby, rugby jesi 70

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yzV





logoEV
logoEV