Quantcast

Amministrative 2012: Fratesi (Sel), occorre prendersi cura anche dei partiti come delle cose e cambiarli da dentro

Sel per Melappioni Sindaco 2' di lettura 04/05/2012 - Jesi ha bisogno dell’impegno da parte di tutti per risollevarsi e trovare la giusta collocazione nella provincia e nella regione. Non è positivo vedere la propria città perdere d’importanza nella regione e non mi piace il disfattismo dilagante del ‘tanto meglio il peggio’ o il disfattismo di chi dice che tutti sono uguali e che tutto è uno schifo.

Questa è una malattia italiana, quella di non prendersi cura delle ‘cose’. Costruiamo qualcosa, anche di bello, non viene fatta alcuna manutenzione e dopo qualche anno siamo costretti a costruirla di nuovo, è una maniera dispendiosa di affrontare le questioni, una maniera che non aiuta ad imparare è come ripartire sempre dall’inizio.

Così facciamo anche con i partiti, c’è sempre una forza nuova, un partito salvifico un capo immacolato che ci salverà.

Ma tutto dura pochi anni perchè come facciamo con le cose facciamo con i partiti, li lasciamo andare, li lasciamo spesso nelle mani di chi non è motivato verso interessi collettivi e così ce ne allontaniamo e subito dopo abbiamo bisogno di un altro partito di un altro capo.

Ma se tutte queste persone che riempiono i ‘nuovi’ partiti entrassero o fossero entrati nei vecchi partiti non credete che i suddetti vecchi partiti sarebbero cambiati? e in meglio? Io credo di si.

Ho tante cose da criticare a questo centrosinistra, in conseguenza della ‘battaglia’ SADAM sono perfino uscito dalla maggioranza, ma ho deciso di appoggiarlo, di appoggiare Melappioni perchè credo che sia la persona giusta, per me è un valore aggiunto il fatto che cinque anni fa abbia avuto il coraggio di uscire dal partito e portare avanti il suo progetto.

Ho deciso di candidarmi nelle liste di SEL perchè sono convinto che le idee che animano la sinistra siano le migliori per affrontare le grandi tematiche che ci aspettano.

Più equità, più senso dello stato e del bene comune, una partecipazione vera, un bilancio sociale, servizi sociali riorganizzati, sicurezza per tutti, cultura di eccellenza ma anche legata alle tante realtà locali, rispetto del territorio, qualità della vita monitorata con l’ASUR, tavolo permanente sul lavoro, valorizzazione dei prodotti locali.

Sono tutte tematiche sociali, di centrosinistra e se la vecchia amministrazione non ha saputo mettere in piedi un progetto all’altezza della situazione allora devono essere cambiate le persone ma tenere ferme le idee, sono tematiche che abbisognano di un progetto complessivo e di un progetto condiviso o perlomeno non ostacolato dalla regione.

Jesi da sola con i suoi 40 mila abitanti non potrebbe risolvere quasi niente dei problemi di cui soffre.


da Claudio Fratesi
consigliere uscente
Candidato Lista SEL





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2012 alle 11:07 sul giornale del 05 maggio 2012 - 597 letture

In questo articolo si parla di attualità, Claudio Fratesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yBU





logoEV
logoEV