Quantcast

Chiaravalle: il giovane pianista Castaldo si afferma in Russia

musica 2' di lettura 07/05/2012 - Nel corso del concerto inaugurale della Stagione Concertistica degli Amici della Musica lo scorso 11 dicembre avevamo avuto modo di ascoltare il giovane Michele Castaldo; la sua esecuzione del programma Lisztiano ci aveva molto colpito. Ora ci raggiunge la notizia che questo giovane talento emergente del pianismo italiano ha colto una importantissima affermazione in Russia, culla e fucina di grandi nomi del pianismo internazionale.

Il giovanissimo Michele Castaldo (di Chiaravalle), appena ventenne, neo diplomato con lode al Conservatorio ROSSINI di Pesaro sotto la guida del M° Giuseppe Di Chiara il 29 aprile scorso a Rostov sul Don (Federazione Russa) ha vinto la IX edizione del Concorso Internazionale biennale "The way to Mastery" organizzato dal College of Art, dal Conservatorio "S. Rachmaninov" e dall'Orchestra Filarmonica di Rostov.

Uno dei pochissimi italiani ad aver vinto così giovane un concorso pianistico in terra russa.

Il concorso, molto noto in Russia per l'altissimo livello dei partecipanti e per aver lanciato importanti pianisti, è espressamente dedicato ai giovani talenti che intendono dedicarsi alla carriera concertistica ed ha visto per la prima volta la partecipazione di un giovane di nazionalità italiana.

Dopo due prove, la seconda con l'orchestra Filarmonica, la giuria presieduta dal Prof. Vladimir Duych musicista onorario della Federazione Russa e capo dipartimento della sezione pianoforte del Conservatorio di Rostov ha premiato il giovane Castaldo dopo una splendida e travolgente esecuzione del I° movimento del concerto per pianoforte di P.I. Tchaikovsky.

Dopo il concerto dei premiati in cui al giovane Castaldo è stato eccezionalmente richiesto di rieseguire il pezzo con l'orchestra, gli apprezzamenti della critica e del pubblico sono stati unanimi. Al termine del concerto il direttore della Filarmonica M° Vadim VILINOV ha commentato: "una esecuzione mirabile, rara in un pianista non russo, per la passionalità, il bellissimo suono e la grande tecnica dimostrati dal giovane Michele".

Onore, quindi, al merito di questo giovane e l’augurio di una luminosa carriera.

Agli Amici della Musica “G.B. Pergolesi” l’orgoglio di aver presentato questo giovane e di lasciare ampio spazio, nell’organizzare la consueta stagione concertistica, ai giovani talenti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2012 alle 16:09 sul giornale del 08 maggio 2012 - 2030 letture

In questo articolo si parla di musica, cultura, Amici della Musica Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yIC





logoEV
logoEV