Quantcast

Ballottaggio: Piersantelli (PRI), Melappioni come il maratoneta esperto

Lorenzo Piersantelli 3' di lettura 13/05/2012 - Chiedo scusa in anticipo se tenterò di fare una metafora di questo prossimo ballottaggio utilizzando una mia passione personale. Penso che la maratona sia la competizione atletica più nobile e più affascinante,ed intendo sia la classica maratona di quarantadue e centonovantacinque metri con moderate percentuali di dislivello durante il percorso,che i tragitti di corsa in montagna chiamati sky running.

Correndo per la campagna che circonda Jesi proprio per prepararne una mi soffermo a pensare:in primis che la nostra campagna e quella del circondario è davvero suggestiva,e poi a quanto sia necessaria una preparazione prima mentale e poi fisica per affrontare una gara così lunga. Non si riesce a correre più di quarantadue chilometri senza una tenuta mentale costante.

Ci sono tanti tipi di maratoneti:i più validi e premiati sono quelli esperti che affrontano maratone da anni ed hanno un bagaglio di preparazione mentale che permette loro di non scoraggiarsi mai,neanche quando la fatica,o magari l'umidità o il caldo iniziano a farsi sentire,non perdendo mai la lucidità mentale.

Poi ci sono i maratoneti che hanno una preparazione specifica indiscutibile: si trovano per la prima volta ad affrontarne una ma si sono preparati in maniera impeccabile e vanno avanti fino alla fine con il loro passo,la loro andatura,raggiungono il loro obiettivo e trovano crescenti motivazioni per andare avanti anche per le maratone future.

Poi c'è il maratoneta di valore ma che ha adottato una strategia traballante in fase di gara: inizia col proprio passo e la propria andatura con l'obiettivo di vincere,ma spesso viene affiancato dai più esperti e da essi superato,ma lui vuole vincere allora si mette in scia con gli sprinter veloci nell'ultimo tratto, cerca di mettersi nel loro gruppo speranzoso che riescano a portarlo avanti in prima posizione fino al traguardo.

Ognuno di questo genere di maratoneti va rispettato: ci vuole coraggio per prepararsi ad una gara così estenuante!

In ultima posizione ci sono i maratoneti caotici ma anche scorretti, speranzosi di tagliare il traguardo il più vicini possibili a colui che hanno individuato come possibile vincitore,che iniziano a dare gomitate agli avversari durante il lungo tragitto,o magari qualche spintarella, finché i giudici non se ne accorgono e li squalificano.

Paragonando la maratona al ballottaggio del 20 e 21 Maggio, penso che Augusto Melappioni sia il maratoneta esperto, con una strategia ben chiara in testa preparata con costanza e coraggio negli anni anche insieme ai membri della coalizione che lo sostiene, quel coraggio che lo ha premiato e che gli ha permesso di non cadere alle tante gomitate subite dai runners scorretti e che lo ha portato a fare scelte umili,come quella di dimettersi da consiglio comunale uscente proprio per proseguire la sua voglia di discontinuità e di cambiamento. Questo modo di essere premia sempre,soprattutto in termini di serenità con la propria coscienza e con il rispetto dell proprio elettorato; e questo modo di essere,una volta tagliato il traguardo,da forza e voglia di fare sempre meglio,sempre mettendosi in discussione e confrontandosi con la gente,anche con chi non lo ha votato.


da Lorenzo Piersantelli
candidato del Partito Repubblicano Italiano





Questo è un articolo pubblicato il 13-05-2012 alle 12:16 sul giornale del 14 maggio 2012 - 3347 letture

In questo articolo si parla di attualità, Partito Repubblicano Italiano Jesi, Lorenzo Piersantelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yY4





logoEV
logoEV