Quantcast

Gianangeli: un ballottaggio? No… il Rigoletto!

Massimo Gianangeli 3' di lettura 13/05/2012 - Prendo atto della bagarre da pollaio politico in cui i due sfidanti al ballottaggio, sedicenti diversi fra loro, stanno cercando di trascinare il MoVimento 5 Stelle di Jesi.

Da una parte, Augusto Melappioni, a capo di una coalizione impresentabile che negli anni passati non ha esitato a farsi beffa dei diritti dei cittadini, cerca di etichettare il MoVimento collocandolo non si sa in base a che cosa, dalla sua stessa parte politica. E’ davvero sconcertante constatare ancora una volta la distanza di certi personaggi dal MoVimento e dalla sua idea di rinnovamento. Per noi, non debbono più esistere questi opportunistici ragionamenti “partitici”, troppo spesso rivelatisi negli anni sterili teatrini per coprire il Partito Unico Trasversale degli Affari.

Dall’altra, Massimo Bacci che ieri si sarebbe stracciato le vesti pur di avere me ed il MoVimento nella sua fantasmagorica giunta di supereroi, oggi incredibilmente attacca proprio me ed il MoVimento, con argomentazioni prive di alcuna fondatezza politica, esattamente come in questi anni abbiamo visto fare da tanti personaggi o personaggetti dai quali egli dice di voleri distinguere.

I nostri elettori ci hanno votato perché hanno fiducia in me e nel MoVimento. Non ci sembra politicamente intelligente cercare il loro appoggio lusingandoci senza averne titolarità oppure addirittura attaccando me ed il MoVimento… Ma tant’è, ognuno decide di screditare politicamente sé stesso ed il proprio gruppo come meglio crede.

Queste logiche, non ci appartengono e davanti a certe dichiarazioni, l’offerta di un assessorato si configura per quello che sospettavamo: una specie di trappola in cui si è tentato di imbrigliare MoVimento.

L’ Onestà è come l’oro, e sull’oro la ruggine non attacca.

Oggi, più che ieri, quindi, siamo sempre più convinti della posizione di equidistanza assunta dal MoVimento da questi signori. Per quanto ci riguarda, i cittadini sono liberi di votare o non votare per chi vogliono, essendo ogni elettore l’unico padrone del suo voto e del diritto di esercitarlo o meno.

Il nostro progetto per la città è fuori da queste logiche sempre più simili fra loro, e va avanti indipendentemente dai patetici giochi antipolitici che ci ripropongono.

Giovedì 17 Maggio 2012 ci troveremo alle 21.15 presso i nostri locali siti in Corso Matteotti 66 (vicino all’Arco Clementino) e descriveremo come ci siamo organizzati, i nostri gruppi di lavoro, ecc… per essere pronti fin da subito ad affrontare il lavoro che ci aspetta nei prossimi mesi ed i prossimi anni. I tantissimi cittadini che, grazie al MoVimento, sono finalmente tornati ad aver voglia di interessarsi della città e di rimboccarsi le maniche per mettersi al servizio del Bene Comune, sono invitati a partecipare per iniziare fin da subito a lavorare. Finalmente, in questa momento straordinario per Jesi, nel Consiglio Comunale sono entrati non 2, 3 o 4 Consiglieri del MoVimento 5 Stelle, ma 40mila cittadini.

Fra le tante cose belle della Musica, c’è anche l’aiuto che può dare agli uomini per comprendere meglio la realtà e le situazioni che si trovano a dover affrontare nella loro vita. Non so perché, ma se facciamo un attimo di silenzio, si sentono echeggiare nell’aria le note di Giuseppe Verdi, Rigoletto, atto Primo, aria del Duca di Mantova: “Questa o quella, per me pari sono…”


da Massimo Gianangeli
Movimento 5 Stelle Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-05-2012 alle 18:50 sul giornale del 14 maggio 2012 - 1729 letture

In questo articolo si parla di Massimo Gianangeli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yZV





logoEV
logoEV