Quantcast

Lettere: ballottaggio, i nomi degli assessori elemento di trasparenza verso i cittadini

Lettere 1' di lettura 14/05/2012 - Elezioni comunali di Jesi, ultimo atto. Tante sono le dichiarazioni di protagonisti e comprimari che si alternano e sovrappongono, così come le parole importanti (cambiamento, rinnovamento, discontinuità, competenza) scelte e rilanciate dalle due parti politiche.

Ricordando le tante parole ascoltate nelle precedenti campagne elettorali e dimenticate dopo il voto, mi piacerebbe che queste siano affiancate da qualche elemento concreto che permetta ai cittadini di poter meglio valutare la corrispondenza fra le parole dell’oggi e le scelte del domani.

Ritengo, ad esempio, che la scelta del candidato sindaco di far conoscere in anticipo la composizione della propria (eventuale) giunta comunale, sia lodevole ed auspicabile, perché fornisce ai cittadini un elemento importante per poter decidere con maggior consapevolezza a chi affidare la guida della propria città.

Tale determinazione, al momento, è stata presa soltanto da Bacci (e parzialmente, perché – se non sbaglio – non tutti gli assessorati sono stati assegnati). Comprendo che per una lista civica sia più facile fare una scelta di questo tipo, rispetto ad una coalizione formata da più partiti e pertanto inevitabilmente ben più complessa dal punto di vista degli equilibri e dell’organizzazione interna. Ora però un primo responso c’è stato, ed anche il nodo degli apparentamenti è stato sciolto, per cui sarebbe possibile per entrambi i candidati di rendere noti i nomi (o completare la lista) degli assessori scelti in caso di vittoria.

Sarebbe un primo passo verso quella trasparenza che, a parole, tutti sostengono.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-05-2012 alle 20:44 sul giornale del 15 maggio 2012 - 1045 letture

In questo articolo si parla di attualità, lorenzo verdolini, Se non ora quando?, lettere al giornale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/y34





logoEV
logoEV