Quantcast

Fondazione Pergolesi Spontini: domani a Bergamo la cerimonia di assegnazione del Premio Abbiati. Le dichiarazioni di Bacci

Fondazione Pergolesi Spontini 2' di lettura 24/05/2012 - L’associazione Italiana Critici Musicali premierà domani, venerdì 25 maggio alle ore 17 presso il Salone “Marzio Tremaglia” del Teatro Donizetti di Bergamo, la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi con il più ambito e importante riconoscimento assegnato ogni anno in Italia nel campo della musica e della lirica: il Premio Abbiati. La soddisfazione del Sindaco di Jesi e Presidente della Fondazione Pergolesi Spontini, Massimo Bacci.

Il XXXI Premio della critica musicale “Franco Abbiati”, assegnato alla Fondazione per l’esecuzione dell’integrale delle opere di Giovanni Battista Pergolesi a Jesi tra il 2009 ed il 2011 nell’ambito delle Celebrazioni per i 300 anni della nascita del grande compositore, sarà consegnato dal critico musicale e presidente della Giuria, Angelo Foletto.

L’Amministratore Delegato della Fondazione Pergolesi Spontini, William Graziosi, e il Direttore Artistico Gianni Tangucci porteranno in questa occasione i saluti ed i ringraziamenti del Sindaco di Jesi e Presidente della Fondazione Pergolesi Spontini, Massimo Bacci.

“A causa degli impegni amministrativi obbligati dai primi giorni di mandato, non potrò essere presente a questa premiazione che mi riempie di orgoglio e che ritengo un vanto della comunità jesina. – fa sapere il Dott. Bacci – Il Premio Abbiati 2011 conferma che a Jesi esiste un polo produttivo di eccellenza, capace di allestire opere liriche di cui i maggiori critici musicali nazionali hanno riconosciuto qualità artistica ed originalità. Grazie alla musica di Pergolesi e all’egregio lavoro compiuto dalla Fondazione per la valorizzazione della sua opera, e grazie anche ai successi dei nostri grandi atleti, l’immagine di Jesi ora viaggia nel mondo più riconoscibile che mai”.

Il premio Speciale all’Integrale di Pergolesi eseguito Fondazione Pergolesi Spontini è stato assegnato con la seguente motivazione: “Per l’audace progetto di esecuzione dell’opera omnia iniziato nel 2009 e caparbiamente concluso, nonostante le drastiche e imprevedibili riduzioni dei finanziamenti pubblici, con una serie di produzioni operistiche e concertistiche di qualità musicale, chiamando a collaborare voci, concertatori e complessi strumentali italiani di significativa competenza stilistica e proprietà interpretativa, e proponendo letture sceniche non scontate”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2012 alle 17:57 sul giornale del 25 maggio 2012 - 2272 letture

In questo articolo si parla di teatro, attualità, jesi, fondazione pergolesi spontini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/zv5





logoEV
logoEV