Quantcast

Una rivisitazione del Rigoletto tutta particolare nell'ambito del progetto 'Lirica non mente'

William Graziosi, Massimo Mari, Silvano Sbarbati, Dina Mogianesi, Gianfrancesco Mattioni 2' di lettura 24/05/2012 - Venerdì 25 maggio alle ore 21,15 presso il teatro G. Spontini di Maiolati andrà in scena "Il Rigoletto... a modo nostro", performance finale del progetto di promozione al melodramma "La lirica non mente", che vede protagonisti gli utenti dei servizi psichiatrici.

Saranno 15 gli attori che si alterneranno sul palco, tra utenti dei servizi psichiatrici, loro genitori ed operatori sanitari, per proporre al pubblico una rivisitazione del Rigoletto "a modo loro". L'ingresso allo spettacolo, senza assegnazione del posto, è gratuito.

La performance di venerdì, atto finale del laboratorio teatrale "La lirica non mente", curato da Silvano Sbarbati e Simone Guerro con Gianfrancesco Mattioni del Teatro Pirata, è inserita nell'ambito di un progetto proposto dalla Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con il Teatro Pirata, la Direzione del Dipartimento di Salute mentale Asur- zona territoriale 5 di Jesi e il Responsabile U.O. Promozione Salute Mentale dell'Ospedale "Murri".

L'obiettivo del progetto "La lirica non mente" era duplice: da una parte avvicinare alla lirica, alla musica e al teatro un gruppo di utenti per i quali sarebbe stato difficile farlo altrimenti, dall'altro promuovere la salute mentale e favorire l'inclusione sociale attraverso la riscoperta di quella parte creativa patrimonio indiscusso di ogni essere umano.

"L'aspetto partecipativo al laboratorio teatrale è stato buono, direi sorprendente - fa sapere Massimo Mari, responsabile U.O. Promozione Salute Mentale dell'ospedale Murri - si sono divertiti tutti: pazienti e operatori. Questo è il nostro futuro: non si vogliono costruire recinti intorno ai disagiati, ma offrire spazio espressivo a chiunque."

"Si vuol portare il melodramma a conoscenza e integrazione di tutti - sostiene Silvano Sbarbati, curatore del progetto - laboratorio e spettacolo vogliono essere un contributo al teatro affrontato da coloro che sono definiti 'diversamente abili'."

L'appuntamento è dunque fissato a venerdì 25 maggio alle ore 21,15 al Teatro "Spontini" di Maiolati.








Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2012 alle 17:06 sul giornale del 25 maggio 2012 - 541 letture

In questo articolo si parla di cultura, fondazione pergolesi spontini, ilaria cofanelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/zv8





logoEV
logoEV