Fiera di Sant'Agostino, sit-in di protesta del movimento 'No alla vendita di animali alle fiere'

animali in vendita fiera di s. agostino 2' di lettura 25/08/2012 - Il 27 agosto 2012 alle ore 18.00 il Movimento spontaneo “ No alla vendita di animali nelle sagre e nelle fiere”, venutosi a creare a seguito della sospensiva del Tar che ha accolto il ricorso presentato da ditte del settore, ripristinando così il diritto di vendere animali durante la Fiera di Sant’Agostino dal 27 al 30 agosto 2012 in Senigallia, ha organizzato un sit-in di protesta davanti alle bancarelle situate nel parcheggio di Via Leopardi.

Il gruppo, guidato da Rossana Del Regno, già presidente dell’Osservatorio Nazionale Multidisciplinare Cinologico e da sempre attiva nelle battaglie a favore degli animali dichiara: “molto spesso gli animali venduti nelle sagre e nelle fiere sono tenuti in condizioni terribili, rinchiusi in anguste gabbie, sotto il sole, privi di acqua e stressati dalle numerose presenze “umane.

In particolare i cani, provenienti dai Paesi dell’Est Europa, strappati alle loro madri a poche settimane di vita, viaggiano in pessime condizioni, spesso non sono vaccinati o vaccinati troppo presto da veterinari compiacenti.
Un cucciolo dolce può stregare l’animo di bambini e intenerire i genitori che acquistano ignari i cani per ritrovarsi poi con soggetti malati o peggio abbandonati perché non consoni alla vita familiare presa da innumerevoli impegni.

Un cane, - continua la Del Regno- è un legame per la vita e come tale è opportuno fare scelte ponderate e affidarsi a seri allevatori se si vuole un cane di razza, ricordando però che migliaia di cani aspettano una nuova vita nei canili.

Bene la Delibera Comunale, - conclude la Del Regno- che vietava esposizione e vendita di animali, augurandoci che il prossimo 13 settembre si metta fine a questa incivile barbarie, nel frattempo sensibilizzeremo i visitatori con il nostro dissenso per dare voce alla senza voce!!!”


da Movimento 'No alla vendita di animali alle fiere'





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-08-2012 alle 10:33 sul giornale del 27 agosto 2012 - 4200 letture

In questo articolo si parla di animali, attualità, senigallia, fiera di s. agostino, movimento 'No alla vendita di animali alle fiere'

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/C82


Roberta Benigni

25 agosto, 13:44
Quoto completamente le parole della Signora del Regno, per due ordini di motivi.

1) siamo pieni di cani. 800 (ottocento) nei canili della SOLA provincia di Ancona alcuni da oltre 10 anni, sempre in gabbia. Uno di questi canili (dove anche il COmune di Senigallia custodiva i suoi randagi) è satto chiuso da poco dalla magistratura per una serie di ipotesi di reato anche in dannod i animali. Dunque non si vede la necessità di farne nascere ancora;

2) Occorre fare estrema attenzione sulla provenienza dei cuccioli che acquistiamo, perchè è molto diffuso l'acquisto e successiva vendita locale di cani dall'est. L'unico motivo per cui si importato cuccioli di "razza" dall'est è il costo ed il margine di guadagno che si può fare in Italia traghettando fino a noi animali giovanissimi (il che glielo potremmo ben risparmiare).
E' sempre bene consultarsi con il proprio veterinario PRIMA (oltre che DOPO) sull'opportunità di acquistare animali in queste occasioni. Essi d'altra parte conoscendo il territorio sanno anche indicarci seri allevatori locali.

A me fanno molta più pena tutti quegli uccelli ed altri animali stipati dentro quelle micro gabbie. Mi piacerebbe non vedere più lo stand della falconeria che c'era quest'anno a maggio di fronte alla chiesa del porto durante una manifestazione in via Carducci. Avevano una serie di rapaci messi in mostra come fossero dei fenomeni da baraccone. Ma non è illgale tenere animali di quel tipo?

Roberta Benigni

26 agosto, 08:47
Lo stand di cui dice fedetek me lo sono perso! Però in effetti ora parliamo di cani, perchè li conosco meglio, ma naturalmente presidiamo per tutti, anhce peri i pesci rossi e uccelli, proprio perchè stipati in microgabbie in tanti. Se riuscimao ad ottenere il divieto di vendita di animali vivi abbiamo centgrato l'obiettivo per tutti.

Boh, daje e daje, 'sto "Movimento spontaneo" (?!) m'ha fat venì voia d' cumprà alla Fiera un amichetto griffato al mio meticcio di casa !

Questa foto l'ho già vista da qualche parte, solo io potevo offuscare una persona col pallino bianco invece che con l'effetto sfocato :-)

Roberta

27 agosto, 23:46
Vi posto un articolo sul divieto di vendita di animali in fiera di Recanati dove il solito Hobby Zoo di Macerata (che ha un impero a casa sua e che è pare l'unico rimasto a vendere cani per fiere) si lamenta del trattamento impostogli dall'amministrazione locale.rnrnhttp://www.ilcittadinodirecanati.it/notizie/13907-gli-animalisti-prendono-posizione-sulla-protesta-di-hobby-zoo-alla-fiera




logoEV