contatori statistiche

Riordino delle Province, Casagrande: 'Si parla troppo di confini e troppo poco di come garantire i servizi'

patrizia casagrande 2' di lettura 31/08/2012 - “Le Province italiane si sono mostrate fin dall’inizio favorevoli a un riordino istituzionale che prevedesse la razionalizzazione della spesa pubblica e il miglioramento dei servizi erogati ai cittadini.

Una sfida accettata nella consapevolezza del delicato momento attraversato dal Paese e con la responsabile volontà di contribuire alla modernizzazione della macchina pubblica. Purtroppo, le modalità scelte dal governo per avviare questo processo hanno deluso le nostre aspettative”.

Così la presidente dell’Upi Marche Patrizia Casagrande, intervenendo al Consiglio della autonomie locali del 31 agosto, convocato per avviare il percorso di confronto sul riordino della Province marchigiane previsto dalla spending review.

“Da un lato – spiega la presidente Casagrande – il governo ha ceduto a visioni demagogiche e di corto respiro che classificano le Province come un mero costo, dall’altro ha avviato una spending review che altro non è che una manovra economica basata su tagli lineari dei trasferimenti statali agli enti locali, i quali impediranno a questi ultimi di adempiere alle proprie funzioni, svuotandone de facto il ruolo”.

Per la presidente il percorso da intraprendere è chiaro ed è mirato anche a smorzare le polemiche sorte intorno alla questione degli accorpamenti e del numero delle Province. “Mi sembra – afferma – che si sia parlato troppo di confini e troppo poco dell’autorifoma che avremmo voluto, e alla quale comunque non rinunciamo, per garantire i servizi e continuare a svolgere un ruolo di governo dell’area vasta fondamentale in settori come la tutela del territorio, la gestione del ciclo completo dei rifiuti, l’amministrazione dell’edilizia scolastica.

Evitiamo dunque atteggiamenti risoluti e il ‘tutti contro tutti’. Ciò che serve in questo momento è ponderatezza e confronto per aprire un dialogo con la Regione e con il governo: un clima sereno in cui negoziare una soluzione che eviti sì doppioni, sovrapposizioni di funzioni ed eventuali sprechi, ma indichi anche con chiarezza le competenze di ciascun livello istituzionale e metta in grado gli stessi di svolgere al meglio i propri compiti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-08-2012 alle 15:47 sul giornale del 01 settembre 2012 - 673 letture

In questo articolo si parla di patrizia casagrande esposto, politica, ancona, patrizia casagrande, casagrande, riordino delle province, presidente upi





logoEV
logoEV