Baby gang in azione al Rione Porto: sassate contro Il Colosseo

2' di lettura 02/12/2012 - È stata una notte di “fuoco” quella tra sabato domenica nel quartiere del centro storico da sempre alle prese con problemi di “quieto vivere”. Se finora le note dolenti erano per le difficoltà di integrazione tra i residenti e gli extracomunitari che si concentrano nel quartiere, stavolta ad esasperare gli abitanti del Rione Porto, sono i giovani teppisti.

Sabato notte una banda di vandali ha letteralmente devastato il quartiere. Arredo urbano fatto a pezzi, cassonetti divelti, vasi rotti e perfino la vetrina di un bar mandata in frantumi. I vandali si sono “divertiti” a lanciare sassi contro la porta di ingresso, di vetro, del Bar Il Colosseo, in via Mamiani. Purtroppo per non si tratta della prima volta.

Già in passato, in altre due occasioni, i vandali se l'erano presa con il locale danneggiando ancora una volta le vetrate. “Non ne possiamo proprio più -sbotta Mirella Mazzaferri, titolare del Bar Il Colosseo- è la terza volta che mi distruggono la vetrata.

La situazione non è più tollerabile, nessuno mai interviene, nessuno fa nulla, e noi siamo sempre qui a subire”. Secondo le testimonianze, alcuni residenti di via Mamiani intorno alle 2.30 di notte hanno sentito gli schiamazzi di un gruppetto di ragazzini. Dalle voci e dalle sagome si tratterebbe di giovani intorno ai quindici-sedici anni.

La baby gang avrebbe così iniziato a lanciare sassi contro la porta del Bar Il Colosseo. Ma non solo. Altri danneggiamenti sono stati scoperti, alle prime luci dell'alba, in tutta la zona di via Carducci e via Mamiani dove i cassonetti dei rifiuti sono stati divelti e in alcuni casi spaccati.

Gettati a terra e rotti, come presi a calci, anche alcuni vasi e cocce che ieri mattina erano sparse a terra per via Carducci. Un episodio che si aggiunge all'accoltellamento della scorsa settimana, quando una donna in via Carducci nel cuore della notte, per strada, ha sferrato un fendente nei confronti di un uomo al termine di una lite per motivi passionali.

I residenti, già alle prese con i continui schiamazzi degli extracomunitari spesso in lite fra loro, criticano anche l'uso delle telecamere installate dal comune nel quartiere. “Hanno messo le telecamere ma quando chiediamo di visionare i filmati per cercare di scoprire i responsabili dei vari misfatti ci dicono che non si può -aggiunge la Mazzaferri- a cosa servono allora le telecamere se non vengono mai usate?”.








Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2012 alle 21:54 sul giornale del 03 dicembre 2012 - 4204 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, rione porto, bar colosseo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/GMo





logoEV