Quantcast

Monte San Vito: Cillo (Pdl) “preoccupazione per l’occupazione dei dipendenti della residenza protetta”

Thomas Cillo 2' di lettura 04/12/2012 - Nell'ultima seduta di Consiglio Comunale che si è tenuta il 29 Novembre scorso, in merito all'interrogazione presentata sulla Residenza Protetta “E.Medi”, avevamo richiesto informazioni circa alcuni aspetti fondamentali legati al prossimo e imminente trasferimento degli anziani che avverrà entro la fine dell'anno presso la struttura di Falconara M.ma sita in Via Roma e Via Marsala.

Il Sindaco a riguardo, ha riferito che i lavori di adeguamento alla normativa vigente, che dovranno essere effettuati nella nuova struttura, saranno a carico della cooperativa L'Agorà d'Italia, che opera già all'interno della struttura, in quanto da convenzione ad essa competono gli interventi di manutenzione ordinaria e quelli di natura straordinaria.
E' stato ribadito inoltre che verranno garantiti GLI STESSI STANDARD QUALITATIVI E I SERVIZI che oggi vengono erogati a Monte San Vito (che ricordiamo essere maggiori rispetto a quanto prevede la normativa regionale).

Per quanto riguarda l'aspetto occupazionale (le lavoratrici della cooperativa di Monte san Vito hanno l'appalto in scadenza al 31/12/12) si è fatto riferimento all'art.37 punto 4 del CCNL delle cooperative sociali che cita: "D) In caso di modifiche o mutamenti significativi nell'organizzazione e nelle modalità del
servizio da parte del committente e/o tecnologie produttive con eventuali ripercussioni sul
dato occupazionale e sul mantenimento delle condizioni di lavoro, l'azienda fornirà le
opportune informazioni alle OO.SS. territoriali.
Le parti si attiveranno per individuare le possibilità di adibire il personale dell'azienda
eccedente in altri servizi, anche con orari diversi e in mansioni equivalenti."

Ricordo, che siamo ancora in attesa di conoscere il contenuto della convenzione con cui il Comune di Monte San Vito si legherà ai servizi offerti da Agorà e sulla quale saranno contenuti molti aspetti che sopra sono elencati.
Circa la questione occupazione persiste forte preoccupazione in quanto alcuni servizi - es. cucina- non sono garantiti presso la struttura di Falconara e quindi le lavoratrici addette alla mansione potrebbero non trovare idonea collocazione dopo il trasferimento.
Infatti, è vero che la normativa parla di un eventuale ricollocamento in orari e mansioni equivalenti ma si parla di eventualità che non esclude una perdita del posto di lavoro. Che vogliamo assolutamente scongiurare.

Infine, è stata data notizia che a seguito del Consiglio Regionale - seduta del 20/11/2012 all'art.19 dell'assestamento di Bilancio Regionale- "Il termine per l’adeguamento ai requisiti minimi strutturali e organizzativi (Disciplina in materia di autorizzazione delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale), in scadenza al 31 dicembre 2012, è prorogato al 31 dicembre 2014. Nonostante ciò, l'Amministrazione Comunale ha manifestato l'intenzione di proseguire con i lavori e con il trasferimento degli ospiti, che avverrà presumibilmente tra il 27 e il 28 Dicembre.


da Thomas Cillo
Capogruppo Pdl di Monte San Vito





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-12-2012 alle 15:45 sul giornale del 05 dicembre 2012 - 737 letture

In questo articolo si parla di attualità, monte san vito, pdl, thomas cillo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GQG





logoEV
logoEV