Quantcast

Chiaravalle: venerdì prima riunione provinciale degli arancioni di “Cambiare si può”

cambiare si puo' movimento arancione 2' di lettura 05/12/2012 - Siamo alcuni di coloro, ad oggi circa 100, che, dalla provincia di Ancona hanno sottoscritto l’appello 'Cambiare si può' per costruire una presenza alternativa alla destra, al centrosinistra e a Grillo in occasione delle elezioni politiche del 2013.

Un progetto che vuole dare voce a coloro che non si riconoscono e che hanno pagato sulla propria pelle le politiche antisociali del governo Monti sostenute dal Pdl e dal Pd (e oggi, nella sostanza, fatte proprie anche dai suoi alleati di Sel), ma che non vogliono rassegnarsi alla proposta vuota, arruffata e demagogica del Movimento 5 Stelle.

Un progetto promosso da autorevoli figure del mondo del lavoro, della cultura e delle tante vertenze per la tutela dei beni comuni, già protagonisti della battaglia referendaria del 2011 contro la privatizzazione dell’acqua e il nucleare e oggi impegnati nella raccolta delle firme per ripristinare l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori e il contratto collettivo nazionale, nonché cancellare la riforma-Fornero sulle pensioni.

Solo per citarne alcuni: Luciano Gallino, Livio Pepino, Marco Revelli, don Marcello Cozzi, Riccardo Petrella, Emilio Molinari, Ugo Mattei, don Andrea Gallo, Moni Ovadia, Sabina Guzzanti e Massimo Carlotto.

Nella prima assemblea nazionale, svoltasi il 1° dicembre a Roma, hanno dato il loro sostegno anche Antonio Ingroia e Luigi De Magistris.

Ma per camminare, il progetto ha bisogno di una spinta dal basso e del contributo di tutti coloro che si riconoscono nell’alternativa alle politiche del governo Monti, che impoveriscono i lavoratori e sottraggono ai giovani la speranza del futuro. Per questo a Roma si è deciso di promuovere assemblee nei territori, con la più ampia partecipazione dei cittadini, nei giorni dal 14 al 16 dicembre.

Con questo obiettivo abbiamo deciso di convocare una prima riunione per incontrarci, conoscerci, discutere, ma soprattutto gettare le basi di una pur minima e provvisoria organizzazione che ci consenta lanciare nella nostra provincia questo progetto

Il primo incontro è convocato a Chiaravalle (per la sua posizione baricentrica) venerdì 7 dicembre alle ore 21,15 nella sala riunioni ex Cral (piazza Garibaldi).

Per informazioni o per aderire a “Cambiare si puòwww.cambiaresipuo.net .






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2012 alle 12:15 sul giornale del 06 dicembre 2012 - 1334 letture

In questo articolo si parla di chiaravalle, politica, Cambiare si può

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GTj