Quantcast

Prc: amministrazione verso l'esternalizzazione del servizio mensa

rifondazione comunista prc 2' di lettura 05/12/2012 - Stando alle ultime, pesanti dichiarazione del sindaco Bacci, presto la nostra città perderà un altro importante servizio pubblico, quello della refezione scolastica, che verrà appaltato a ditte private.

La questione dei pasti serviti ai nostri bambini nelle scuole (dell’infanzia e primarie) è nota e ampiamente dibattuta, oggetto di scontri politici già da parecchi anni.

Va subito detto che la battaglia per il mantenimento del servizio in capo al Comune ha fin dall’inizio visto l’impegno di Rifondazione Comunista (politico e informativo, con iniziative pubbliche di discussione del tema) e, per dovere di cronaca, di pochi altri: comunque fino ad oggi si è sempre riusciti, a volte anche con scontri accesi, a salvare il salvabile e mantenere un livello decente del servizio.

Oggi, purtroppo, si registra il clamoroso voltafaccia della nuova Amministrazione che pure aveva sbandierato in campagna elettorale la difesa di questo importante servizio tra i suoi obiettivi.

“Solo i cretini non cambiano idea: ho il coraggio di dire di aver sbagliato” queste le parole del sindaco Bacci per giustificare la prossima privatizzazione completa del servizio mense scolastiche. Apprezzabile l’onestà di riconoscere di aver commesso un errore, per carità, ma assolutamente grave la decisione che presto si assumerà e che vedrà cadere l’ennesimo pezzo di servizi sociali che pure erano un tempo un vanto di questa città.

Eppure si può dimostrare, numeri alla mano, che il mantenimento del servizio potrebbe essere garantito con piccoli aggiustamenti, così come che, pur non avanzando in questa sede critiche alla qualità del servizio privato, è evidente ad oggi la ottima qualità del servizio interno e l’importanza del suo mantenimento data la delicatezza dello stesso.

Resta da vedere come si comporteranno i consiglieri che ieri all’opposizione avevano abbracciato la causa e che oggi si trovano a dover rinnegare scelte e posizioni sbandierate e garantite agli oltre 4000 genitori che appena lo scorso anno hanno firmato l’appello per il mantenimento del servizio in capo al Comune.

Eppure altri Comuni gestiscono internamente e addirittura potenziano il servizio:






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2012 alle 23:17 sul giornale del 06 dicembre 2012 - 812 letture

In questo articolo si parla di attualità, prc jesi, partito rifondazione comunista

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GVA





logoEV