Quantcast

Il punto di Torcoletti: il ritorno della vecchia signora

Marco Torcoletti 1' di lettura 06/12/2012 - Ha messo tutti d'accordo, dentro e fuori. Il nuovo presidente della Fondazione Carisj, Giancarlo Giacani, è stato eletto con una maggioranza schiacciante e trasversale: 19 voti a favore e 4 schede bianche.

Come a dire, le rivalità sono storia e la vecchia signora è tornata forte e coesa, nel più perfetto stile Fondazione. Soddisfatto il sindaco di Jesi, che in seno all'Organo di Indirizzo esprime due consiglieri; rasserenati i suoi alfieri, Paolo Cingolani e Daniele Massaccesi, sollevato il Pd. Ma a ben vedere la partita, in apparenza chiusa nella ritrovata armonia, apre scenari interessanti. Primo fra tutti quello relativo al rapporto tra Comune e Fondazione, mai stato tanto teso: spetterà al numero 1 della Carisj riannodare i legami con un partner che ha tenuto un profilo lontano dai toni tipici della comunicazione istituzionale di un tempo. Se poi Giacani, il cui mandato scadrà in aprile, è andato a genio a tutti, tra gli altri vi è anche un certo Alfio Bassotti, che ne ha fatto per primo il nome pubblicamente. Infine il dualismo Jesi-Senigallia. La bilancia sembra segni un rinnovato equilibrio, ma ciò non significa che la città dalla spiaggia di velluto, per mezzo dei suoi rappresentanti, sia votata a giocare un ruolo di secondo piano, forte di un "clima" costiero più mite, nonché della presenza, all'interno dell'Organo di Indirizzo, di personaggi di grande autorevolezza.






Questo è un editoriale pubblicato il 06-12-2012 alle 20:10 sul giornale del 07 dicembre 2012 - 3576 letture

In questo articolo si parla di attualità, marco torcoletti, editoriale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GYt

Leggi gli altri articoli della rubrica Il punto di Torcoletti





logoEV