Quantcast

Chiaravalle: forse risolto il ritardo pagamenti per le addette alle mense ed ai pullmini

mensa biologica 2' di lettura 14/12/2012 - Tre giorni dopo il nostro articolo, pubblicato da questo pregiatissimo giornale, con il quale si segnalava all’opinione pubblica, e non solo, la mancata retribuzione degli addetti alle mense e ai pullmini comunali da parte di una ditta appaltatrice, nell’indifferenza totale dei futuri candidati alla carica di Sindaco dei vari schieramenti, partitici e non, che tutti i giorni proclamano di volere un futuro migliore per i chiaravallesi, ma che, nella realtà, non hanno trovato il tempo di spendere una sola parola in favore di questi lavoratori, trovandone tante, invece, per ringraziare ed ingraziarsi i propri sostenitori reali, virtuali e fantasiosi, dopo tre giorni, dicevamo, è con viva soddisfazione che siamo venuti a conoscenza che questa mattina, un referente della suddetta ditta, è stato convocato negli uffici comunali del Dirigente dei Servizi Educativi del Comune di Chiaravalle, per giustificare, ma soprattutto per risolvere al più presto tale gravissima situazione in atto.

Alla fine dell’incontro, si è convenuto di stabilire alcune date entro le quali, la ditta in questione, si è impegnata a versare gli emolumenti spettanti ai lavoratori (tredicesime comprese), pena revoca dell’incarico.

Pur soddisfatti dell’esito dell’incontro, promettiamo comunque di vigilare attentamente che simili gravi situazioni di inadempienza si ripetano.

Vogliamo comunque ringraziare quanti, tra cui il responsabile di questo giornale on-line, ci hanno sostenuto in questi giorni.

Esprimiamo, inoltre, viva soddisfazione per i dipendenti della ditta che finalmente avranno quanto di loro spettanza.


Commento di Paolo Picci, direttore di Vivere Jesi: Normalmente, come i lettori del giornale sanno, non intervengo mai ad esprimere commenti ma in questo farò un'eccezione visto che sono stato citato. Sono felice che la vicenda abbia preso la strada di una felice soluzione, che spero giunga in tempi brevissimi. Soluzione che sembrerebbe ovvia e l'unica possibile applicando il buon senso, ma che in questi tempi difficili purtroppo tanto ovvia non è più. Spero che il giornale, dando voce ai cittadini, abbia potuto incidere nel rendere più sollecito l'intervento pubblico. Ritengo che questa debba essere la funzione di un mezzo di comunicazione. Vivere Jesi continuerà a seguire la vicenda fino alla conclusione ed a lasciare alle persone tutto lo spazio necessario per denunciare i propri problemi alla pubblica attenzione. Concludo con l'auspicio di aver contribuito a portare un po' di serenità per le prossime festività nelle famiglie coinvolte dalla vicenda.


da Andrea D’Ascanio
Ex Consigliere Comune di Chiaravalle





Questo è un articolo pubblicato il 14-12-2012 alle 19:59 sul giornale del 15 dicembre 2012 - 853 letture

In questo articolo si parla di attualità, chiaravalle, mensa biologica, Andrea D’Ascanio e piace a Garlet

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/HiO





logoEV
logoEV