Quantcast

Parte il progetto delle liste arancione di “Cambiare si può”

movimento arancione cambiare si puo 2' di lettura 15/12/2012 - Una buona partecipazione, oltre 80 persone, ha caratterizzato l’assemblea auto convocata di “Cambiare si può” svoltasi venerdì sera a Jesi alla sala della seconda circoscrizione. In una serata fredda e piovosa, che certo non favoriva la partecipazione, tante soggettività, delegati sindacali, militanti di partito, persone che magari erano conosciute ma erano anni che non si rimettevano in gioco e anche volti nuovi si sono dati appuntamento per un dibattito serrato introdotto dalla relazione di Sergio Labate.

Quella di Jesi è stata una delle otre 100 assemblee che “cambiare si può” sta organizzando in tutta Italia, dopo quella romana del 1 dicembre per verificare se ci sono le condizioni (e i tempi) per costruire una proposta politica che possa dare voce a chi non si sente rappresentato dall'attuale panorama parlamentare e affrontare quindi con liste autonome le prossime scadenze elettorali nazionali. Una proposta, un programma che si riassume intorno a 10 punti programmatici minimi e irrinunciabili attorno ai quali ricostruire attraverso l’organizzazione della cittadinanza politica attiva e con modalità nuove di democrazia e partecipazione, impegno e militanza politica:

Centrale nel dibattito, anche grazie agli interventi di delegati sindacali della FIOM della Fiat di Jesi e della Fincantieri di Ancona, il tema del lavoro e della riconquista dei diritti e degli spazi di democrazia nei posti di lavoro.

L’assemblea ha anche sottolineato l’esigenza di una maggiore attenzione al mondo dell’istruzione, dell’università e della ricerca e alla parità di genere intesa come la riconquista di diritti e servizi fondamentali per la qualità della vita della donna.

Appuntamento per sabato 22 ottobre a Roma all’assemblea nella quale trarremo tutti le conclusioni del nostro percorso e insieme si deciderà definitivamente se affrontare la sfida. Dall’assemblea di Jesi è emerso con chiarezza che ce la possiamo fare nonostante i tempi strettissimi e le tante difficoltà in campo.

Nella provincia di Ancona prossimo appuntamento per “Cambiare si può” domenica 16 dicembre ore 10,00 ad Ancona presso il Circolo Germontari (Via Grazie)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-12-2012 alle 17:52 sul giornale del 17 dicembre 2012 - 1343 letture

In questo articolo si parla di attualità, Cambiare si può, movimento arancione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Hj0





logoEV