Traffico internazionale di droga, il pizzaiolo senigalliese agli arresti domiciliari

giuseppe arzillo 1' di lettura 19/12/2012 - Arrestato per traffico internazionale di droga lo scorso 16 dicembre, il pizzaiolo senigalliese Giuseppe Arzillo si trova ora agli arresti domiciliari nella sua abitazione in contrada Filetto.

Arzillo, accusato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale, è stato arrestato e condotto nel carcere di Montacuto. Il Tribunale di Ancona, nella stessa giornata, ha concesso al pizzaiolo senigalliese assistito dall'avvocato Rossella Pepa del Foro di Ancona gli arresti domiciliari nella propria abitazione.

Proprio all'interno del casa in contrada Filetto i militari avevano arrestato il 48enne, pregiudicato per reati specifici, apena tornato da un viaggio in India dove si recava costantemente per rifornirsi dello stupefacente. In quell'occasione Arzillo sarebbe stato trovato in possesso di 4 panetti di hashish del peso complessivo di 400 grammi e 74 ovuli contenenti 347 grammi di charas.

Nel complesso quindi i militari avevano sequestrato 747 grammi di stupefacenti per un valore complessivo di 30 mila euro, oltre due bilancini di precisione, un coltello per il taglio dei panetti di hashish, due cylum per l’assunzione della charas e 2.165 euro in contanti ritenuti provento dell’illecita attività.






Questo è un articolo pubblicato il 19-12-2012 alle 16:40 sul giornale del 20 dicembre 2012 - 3189 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sudani Alice Scarpini, tribunale di ancona, arresti domiciliari, traffico internazionale di droga, filetto di senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Hr5


Io non capisco una cosa.
Le carceri italiane scoppiano, tanto che il povero Pannella sta per tirare le cuoia per protestare contro il sovraffollamento.
Poi leggo che una persona accusata di "traffico internazionale di droga" pregiudicata per lo stesso reato, insomma non bruscoline, dopo 3 giorni è già a casa.
Ma allora in carcere chi ci sta?

Bravo, hai toccato un bel problema.
Per me ci stanno solo i co....ni.

da notare la croce al collo! e ho detto tutto!




logoEV