Fusi Pecci su Vendola, il disappunto di Sinistra Ecologia e Libertà

attilio casagrande 2' di lettura 22/12/2012 - Esprimo a nome di Sinistra Ecologia e Libertà di Senigallia la più viva sorpresa e disappunto per le parole che Monsignor Fusi Pecci ha pronunciato nei confronti dei Gay e del leader nazionale di SEL Nichi Vendola, definendolo addirittura “pervertito”

A seguito delle sue parole siamo andati sulle prime pagine dei giornali nazionali, ne avremmo fatto sinceramente a meno.
Si dice che Monsignor Fusi Pecci è molto anziano e forse è stato frainteso. Forse! Resta il fatto che già Papa Benedetto XVI si era espresso pochi giorni fa sullo argomento in maniera più raffinata e colta ma la sostanza era la stessa, ferma condanna a tutto ciò che secondo la dottrina della Chiesa esce dai sacri canoni della naturalità secolarizzata e dalla tradizione.
Il mondo si è aperto si è evoluto, l’ amore l’ affettività e la sessualità hanno assunto una dimensione più liberi ed universali, come d altronde lo sono sempre stati nella storia, ma finalmente uscendo dalle clandestinità dalle sofferenze e dalle ipocrisie in cui erano stati per troppo tempo cacciati e nascosti.

E questo vale anche per gli aspetti sociali del vivere come abbiamo imparato dal Concilio Vaticano II.
Anche il concetto stesso di famiglia si sta modificando, senza nulla togliere alla centralità della famiglia formata da un uomo ed una donna, è l’ affettività ed i sentimenti che sono il cardine delle unioni tra gli esseri umani; se vengono meno questi le famiglia anche quelle “tradizionali” diventano una prigione in cui gli istinti e le violenze più brutali prendono il sopravvento, come i fatti quotidiani di cronaca evidenziano.

Non ci aspettiamo e non desideriamo che la Chiesa intervenga dando analoghi giudizi pesanti nei confronti di chi ultrasettantenne si fidanza con una ventenne, perché crediamo che se c’è libertà e consensualità nei sentimenti e nelle azioni nessuno può porsi a giudice.
Chiediamo rispetto per tutti e soprattutto per la libertà di tutti.


da Attilio Casagrande
coordinatore Sel




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-12-2012 alle 19:03 sul giornale del 24 dicembre 2012 - 1558 letture

In questo articolo si parla di attualità, SeL, attilio casagrande

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HAS


Commento modificato il 23 dicembre 2012

Ok ci mancavate, adesso siamo al completo: sambea la processione del venersi santo: NON MANCA NESSUNO.

Paul Manoni

24 dicembre, 14:08
Ma ce li scusi "madama la marchesa" latotola!!
Li scusi tanto se essendo Vendola leader di SEL, hanno avuto l'ardire di replicare e di rispondere, quando CHIAMATI IN CAUSA DIRETTAMENTE, con epiteti oltraggiosi ed offensivi.

La prossima volta, con il suo benestare di "teolo-archi-filosofo" SIGNOR latotola, prima di azzardarsi anche solo ad aprire bocca per difendersi da certe offese, inoltraranno domanda in Vaticano attraverso la curia, che sta già riscoldando la ceralacca per i sigilli.

La colpa è di Vendola che gioca a fare il chierichetto e vuol tenere il piede in due scarpe; ma possibile che nel XXI secolo non ci sia una sinistra di sinistra in questo paese? Meno polemiche inutili con i talebani e più letture di Feuerbach... e forse saremo un po' meno Iran e un po' più Europa!

Commento modificato il 25 dicembre 2012

La sinistra ecologia dove era qundo io ho mandato messeggi di aiuto, a varie testate, per salvare 35 alberi (pini, tigli ecc.ecc.).Il nulla dagli ecologisti, dai verdi e compagnia bella di destra e di sinistra adesso gli alberi non ci sono più e ci rivorranno altri 50 anni per riaverli rigogliosi ai bordi di quella via.
Secondo la tua tesi i berlusconiani dovrebbero stare sempre sui giornali visto che il loro "beniamino" è da 20 anni che viene attaccato(giustamente o ingiustamente che sia).
Dilla chiara: a voi non va giù la CHIESA punto e basta.
Ho sprecato troppo tempo, questa volta per quello che mi riguarda: DICO BASTA.
Anzi, forse la cosa ti entrerà meglio in testa te lo dico come lo direbbe il mio amico Guccini: "DICO ADDIO".

Paul Manoni

26 dicembre, 08:29
@latotola
Tu nel tuo commento stizzito per l'intervento di SEL sulle offese di un Vescovo ai danni del loro leader, non stai facendo altro che, sempre parafrasando Gaetano Salvemini, "negare la loro libertà di esprimersi sulla base dei tuoi principi di filo clericale", la dove "rivendichi la libertà di esprimersi da parte dei filo-clericali, sulla base dei principi nostri". RICORDI ciò che ti sto scrivendo da 3 giorni???
"I cattolici rivendicano le loro libertà in base ai principi nostri e negano le nostre libertà in base ai principi loro".

Sulle tue beghe personali con SEL, riguardo ad alberi, pini e tigli non salvati, sebben mi riservo di avere un'opinione con te concorde in merito, non me ne può fregare di meno. NON E' quello di cui stiamo parlando. Si parla della vicenda "Fusi Pecci, Orlandoni, Pontifex", non di alberi e giardinaggio urbano.

Secondo la mia tesi "i berlusconiani dovrebbero stare sempre sui giornali visto che il loro beniamino è da 20 anni che viene attaccato", dici? CERTO...Si chiama DIRITTO DI REPLICA. Tant'è i berlusconiani sui giornali e tv a difendere Berlusconi, è proprio ciò che accade quotidinamente, per chi non vive sulla Luna come te!
Puoi negarlo!?...Puoi negare che i politicamente sottoposti di un leader politico, non lo difendano quando viene pesantemente attaccato?!

A me non va giù la Chiesa relativamente a ciò che la Chiesa combina. Se imparassero a non discriminare, a non perseguitare ed a non offendere pesantemente chi la pensa in modo diverso da loro, ti assicuro che io la Chiesa nemmeno la nominerei.

Sulla base di questo, non può e non potrà esserci mai un "addio" tra me e te. Perchè finchè ti cimentarai in improbabili difese dell'indifendibile, in esercizi di giustificazioni dell'ingiustificabile, ed in applicazioni di logiche fuori dalla ragione, del buonsenso e dalla razionalità, come accaduto per questa vicenda, troverai sempre me, per quanto mi sia possibile, a ricordarti di continuare a farla nel vasino e non fuori. Te e gli eventuali altri "emeriti".

Buona giornata.

Caro amico, abbiamo 2 orecchie e una bocca: usiamole in modo proporzionato.
(le "beghe sugli alberi dovrebbero interessare se non a te almeno agli ecologisti, altrimenti cambino nome).
Io fin dall'inizio ho condannato per i termini e i modi usati il vescovi Odo (la CHIESA è più di 1, 10 o 100 vescovi): vedi la difesa per l'operato di Pinto ed il consiglio al vescovo Orlandoni per i termini usati e i modi.
La Chiesa sono anch'io.
Non ho voce come un vescovo ma anch'io ho voce.
Ed io finchè ho lucidità mi rappresento da solo (e mi piacerebbe che anche il mio pensiero e la mia persona venissero rispettate e non insultato, insulti che a volte ho ricambiato, qundo ce vo ce vo, : Ho fatto quella battutta (adesso siamo al completo.......) non per offendere gli ecologisti, ma per dire che siamo in tanti a voler dire la nostra ed in troppi a condannare la Chiesa e non il vescovo.
Spero di essere stato chiaro ma sai è difficile farlo quando alle 6,30 vieni svegliato da una telefonata che ti annuncia la morte improvvisa di un cugino di solo 49 anno al quale ero molto legato.
Buona serata




logoEV